Pedofilia e pornografia minorile: fenomeni in crescente diffusione

L’Istituto degli Innocenti firma un accordo, della durata di tre anni, con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri


 Un nuovo accordo, della durata di tre anni, con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri per collaborare alle attività dell’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile. Lo ha firmato l’Istituto degli Innocenti che prosegue così il lavoro di monitoraggio e assistenza tecnica svolto nel 2016 e nel 2017 in materia di azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni dell’abuso e dello sfruttamento sessuale dei minori.

Si tratta di fenomeni in crescente diffusione come spiegano bene i dati del nuovo report dell’Osservatorio (elaborato dal servizio statistica dell’Istituto degli Innocenti) nel quale si legge che le vittime minorenni del reato di violenza sessuale (art. 609 bis) sono state 604 in Italia nel solo 2016, aumentate del 2,7% in tre anni. Sono aumentate in maniera più significativa le vittime per violenze sessuali aggravate (art. 609 ter) che, tra il 2014 e il 2016, segnano un incremento del 7,3%, e passano da 368 a 395. Nei dati del Ministero della Giustizia risulta che i condannati in ultimo grado per abusi sessuali con minori di 14 anni sono stati nel 2015 138, i condannati per detenzione di materiale pornografico nello stesso anno sono stati 267.
Il nuovo accordo tra l’Istituto degli Innocenti e il Dipartimento per le Pari Opportunità per gli interventi di prevenzione e contrasto a questi fenomeni ha una durata triennale come previsto nell’articolo 1, comma 215 della Legge di Bilancio 2018 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre n°302), dove si stabilisce la possibilità per il Governo di erogare finanziamenti all’Istituto sulla base di convenzioni pluriennali, e include un incremento annuale di risorse rispetto alla precedente convenzione pari a circa 100 mila euro.
L’Istituto degli Innocenti è stato scelto perché in Italia è l'unico ente pubblico ricerca che svolge “attività di raccolta dati e informazioni, di raccolta documentale e di ricerca bibliografica, di elaborazione analitica dei dati e di ricerca statistica con particolare qualificazione nel campo dell'infanzia e dell'adolescenza”.
Con la nuova convenzione l’Istituto sarà incaricato di collaborare a elaborare e redigere la relazione al Parlamento sulle attività di contrasto che saranno poste in essere nei prossimi tre anni e la relazione tecnico scientifica dell'Osservatorio sempre relativa ai prossimi tre anni (2018, 2019, 2020). Rientrano nella collaborazione anche le attività di progettazione e realizzazione di percorsi formativi professionali in materia di prevenzione e contrasto ai fenomeni dell’abuso e dello sfruttamento sessuale dei minori; il supporto tecnico-scientifico nella realizzazione delle attività; la realizzazione di report periodici di raccolta ed elaborazione dati sulla pedofilia, che saranno raccolti attraverso la Banca dati dell’Osservatorio; il supporto allo sviluppo di iniziative europee e internazionali ed infine l’analisi e la documentazione giuridica sui temi legati ai fenomeni di abuso e sfruttamento sessuale di bambini e ragazzi.

“Il lavoro in favore dei diritti dei bambini e dei ragazzi e la lotta contro la violenza e gli abusi sui minori sono iscritti nel nostro Dna - spiega la presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida – Ringraziamo la Sottosegreteria alla Presidenza del Consiglio con delega alle pari opportunità, On. Maria Elena Boschi, per questa nuova convenzione in supporto alle iniziative dell’Osservatorio anti pedofilia, un accordo che si fonda su quelle attività che sono indicate come funzioni istituzionali nel nostro Statuto, dalla ricerca al monitoraggio delle politiche, dalla documentazione alla formazione negli ambiti che riguardano l’infanzia e l’adolescenza. Le professionalità che si trovano all’Istituto continueranno ad affiancare l’Osservatorio negli interventi necessari a comprendere e affrontare fenomeni di elevata complessità”.

“Con un significativo incremento del finanziamento – aggiunge il direttore generale dell’Istituto degli Innocenti Giovanni Palumbo – e con questo nuovo atto il Governo e la Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio con delega alle pari opportunità On. Maria Elena Boschi confermano la fiducia nel ruolo svolto dall’Istituto in tema di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza e dimostrano una grande e concreta attenzione verso le politiche di contrasto alla pedofilia e della pornografia minorile”.

Redazione Nove da Firenze