Rubrica — Spettacolo

Nina’s Drag Queens in scena al Teatro Metastasio

​La compagnia rivisita un classico come THE BEGGAR'S OPERA di John Gay e lo trasforma nel cabaret agrodolce DRAGPENNYOPERA


Attrici e danzatrici, imitatrici prima che attrici, partendo dal genere della rivista e dell’happening performativo le Nina’s Drag Queens manipolano il già esistente con ironia dissacrante e comicità grottesca, lavorano per associazione di idee, per costruzioni di immagini che dialogano con altre immagini, con il playback e il citazionismo, non rappresentando tanto il femminile, quanto la forma del femminile, l’immagine della donna prima che la donna, le sue piccole e grandi frenesie, gli eccessi, il sentimento nascosto.

A Prato da giovedì 17 a domenica 20 novembre (feriali ore 20.45, sabato ore 19.30, domenica ore 16.30).

È da questa base che l’originale commedia musicale scritta da John Gay nel 1728 come reazione ai soggetti inverosimili e alle messe in scena pompose di un certo teatro lirico dell'epoca si trasforma, con la regia di Sax Nicosia, in un ritratto a colori della nostra umanità nera: se Gay miscelava la musica colta e la canzone da osteria, la presa in giro del “gran teatro”, la satira più nera, e soprattutto adattava canzoni già note al pubblico, fossero ballate o arie d'opera, allo stesso modo le Nina’s Drag Queens inventano un pastiche di citazioni, affettuose parodie, brani cantati in playback attinti al repertorio della musica contemporanea e feroci ma allegri riferimenti dell'immaginario pop che ci circonda, sotto il segno di un umorismo amaro e politicamente scorretto.

La storia racconta di cinque donne – impersonate da Alessio Calciolari, Gianluca Di Lauro, Stefano Orlandi, Lorenzo Piccolo, Ulisse Romanò – che nel cortile di un carcere attendono l’esecuzione del bandito Macheath. Sono le donne della sua vita, quelle attraverso cui si dipana la vicenda: si scopre sulla scena come siano avvenute le nozze segrete di Macheath con Polly, figlia della regina dei mendicanti Peachum; i provvedimenti che questa ha preso e gli avvenimenti che ne sono seguiti; come il delinquente sia stato arrestato a causa del tradimento di Jenny, prostituta e sua
vecchia amante; come sia stato liberato grazie a Lucy, altra amante, giovane e nervosa, e arrestato nuovamente per mano di Tigra, madre di Lucy e capo della Polizia; per giungere infine al momento dell'esecuzione, al giudizio finale, e forse, all'happy end.

Peachum, Jenny, Polly, Lucy, Tigra: cinque personaggi che amano, tradiscono, rubano e uccidono, cinque donne che si usano a vicenda. Cuori neri dalla nascita o anneriti dalla vita, ma che pulsano vitali in uno scenario desolato. Il bandito Macheath è l’unico uomo, l’eterno assente, che suscita in questi cuori neri sentimenti assoluti. Amato, odiato, agognato, e infine spolpato fino all’osso. La loro è una storia di morte, amore, sesso e soldi. Di una metropoli indefinita ma inevitabilmente attuale. Di un potere assoluto, corrotto e stolido, che si intreccia all’illegalità e alla malavita. Di un mondo di miserabili dove l’unica bussola è l’interesse personale.

Il SERVIZIO BABYSITTING GRATUITO sarà attivo per la replica della domenica
pomeriggio (con prenotazione obbligatoria entro venerdì 18 novembre (scrivendo a cometa@metastasio.it o telefonando ai numeri 0574/608550 – 608536, da lun/ven, 9.30-13.00 e 15.30-17.30).
Grazie alla convenzione stipulata da Teatro Metastasio e Essegiemme spa sarà inoltre possibile la SOSTA GRATUITA AL PARCHEGGIO "IL SERRAGLIO a tutti gli abbonati MET/10 date degli spettacoli compresi nel proprio pacchetto abbonamento. L'abbonato può lasciare la propria auto nel parcheggio a partire dalle ore 19.00. Solo per gli abbonati della domenica, l'orario di sosta inizia alle 16.00. Per usufruire del parcheggio gratuito ciascun abbonato, all'ingresso in teatro, deve recarsi al guardaroba e ritirare il tagliando/contromarca da consegnare all'uscita dal parcheggio.

BIGLIETTI DA 7 A 25 EURO
Info Teatro Metastasio - tel 0574 608501

Redazione Nove da Firenze