Ballottaggio comunali: Matteo Salvini a Campi Bisenzio

Fossi: “I campigiani non voteranno slogan e vuote promesse. Vogliamo costruire un futuro da protagonisti. Da lunedì torneremo a lavorare per il nostro territorio”


FOTOGRAFIE — Una piccola folla ha atteso l'arrivo del Ministro Interni Matteo Salvini a Campi Bisenzio per sostenere la candidatura a sindaco di Maria Serena Quercioli, nonostante le condizioni meteorologiche e l'orario pomeridiano in un giorno lavorativo. Piazza Dante era gremita da persone che non hanno voluto scoraggiarsi e hanno deciso di dare un segnale con la loro presenza. Sul palco il segretario cittadino Filippo La Grassa che ha portato i saluti dei leghisti campigiani, insieme a quello Provinciale Alessandro Scipioni che ha presentato l'evento introducendo i rappresentanti delle altre forze politiche Claudio Gemelli, Paolo Gandola, Giorgio Gargiulo. Presenti anche i consiglieri regionali Alberti e Bartolini. A seguire l'intervento del candidato sindaco Maria Serena Quercioli che ha ribadito l'importanza di portare avanti una politica trasparente e lontana dagli inciuci per le poltrone. Hanno portato il loro saluto anche il senatore Manuel Vescovi segretario della Toscana, il Sottosegretario agli esteri Guglielmo Picchi e l'economista Claudio Borghi eletto alla Camera. Un'ovazione ha accolto l'arrivo del ministro degli interni, che ha ribadito la necessità di tutelare la sicurezza dei cittadini, e che in Italia l'emergenza prioritaria è la disoccupazione che va combattuta a Campi Bisenzio come nel resto del paese, per ridare speranza alle persone. Il suo discorso è stato interrotto più volte dagli applausi della gente, nonché da cori di incitamento. L'intervento di Matteo Salvini è terminato con una dura critica alla gestione del Partito Democratico delle istituzioni in Toscana , ribadendo la necessità di portare avanti una politica che combatta l'illegalità e la clandestinità per la sicurezza di tutti anche a Campi Bisenzio.

La campagna elettorale di Maria Serena Quercioli è stata chiusa questa sera dal senatore Toni Iwobi, primo senatore di colore della storia della Repubblica italiana. Iwobi proprio negli scorsi giorni ha pronunciato un discorso contro la clandestinità e le ingerenze di altri stati europei negli affari interni della politica italiana, criticando soprattutto le scelte di paesi come la Francia.

“Nessuna vuota promessa ma fatti concreti che proseguiranno nei prossimi 5 anni, con un'idea di futuro chiara e un impegno che mai è mancato e mai mancherà. Ciò che realizzeremo nel prossimo mandato permetterà alla nostra comunità di proiettarsi in un futuro di eccellenza dove essere protagonisti. Per questo motivo sono sicuro che i campigiani domenica andranno a votare scegliendo chi potrà dare loro garanzie e non slogan.” E' quanto dichiarato da Emiliano Fossi, candidato sindaco del Centrosinistra a meno di 48 ore dal ballottaggio di domenica 24 giugno. “Negli ultimi giorni di questa campagna elettorale sono emerse in modo marcato le differenze fra chi propone e chi invece vuole distruggere, tra chi ha competenza e affidabilità e chi invece esprime improvvisazione e nessuna conoscenza del nostro territorio. Tra chi ha voluto mettere al primo posto proposte concrete e chi invece ha voluto diffondere false notizie al solo scopo elettorale, come nel caso dell'ufficio postale a San Donnino. Abbiamo dimostrato con forza in questi giorni la compattezza della nostra coalizione. Dall'altra parte, la candidata di centro destra ha sofferto l'ingombrante presenza dei partiti all'interno della propria coalizione e ha sfogato questa sua subalternità lasciandosi andare in valutazioni personali che poco o niente hanno a che vedere con la politica. Abbiamo le carte in regola per governare Campi con idee chiare sul futuro e abbiamo vissuto questo momento elettorale per raccontare come possiamo migliorare la qualità della vita nel nostro territorio. Da lunedì ci rimetteremo subito a lavoro, avvalendosi dell'aiuto e della generosità di tutti i campigiani che insieme a noi vorranno migliorare la nostra bella città".

Redazione Nove da Firenze