La Giornata nazionale degli alberi al Parco di Pratolino

Convegno sulle alberature a Firenze di Italia Nostra e Coordinamento Cittadino Tutela Alberi al Teatro Affratellamento (alle ore 16.30)


La Giornata nazionale degli alberi, riconosciuta dalla Legge n.10 del 14 gennaio 2013 (norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani), si svolge ogni anno il 21 novembre. In realtà la prima "Festa dell'albero" in Italia fu celebrata nel 1898 per iniziativa dello statista Guido Baccelli allora Ministro della Pubblica Istruzione, e successivamente fu istituzionalizzata nell'art. 104 della legge forestale del 1923 e da allora si è svolta più o meno con regolarità fino ad oggi (pur passando come delega alle regioni nel 1979). L'obiettivo della giornata è quello di metter in risalto l'importanza del patrimonio arboreo e di valorizzare ancor di più il ruolo fondamentale che ricoprono boschi e foreste, soprattutto alla luce delle nuove emergenze ambientali.

La Giornata nazionale degli alberi, martedì 21 novembre, nel Parco mediceo di Pratolino. Su iniziativa del Laboratorio Didattico Ambientale la giornata verrà celebrata con un evento che prevede la partecipazione della scuola primaria di Pratolino e del Liceo Artistico di Porta Romana a Firenze per una serie di visite e laboratori la mattina, e la possibilità, nel primo pomeriggio, di fare una visita guidata agli alberi monumentali del parco. Se le iniziative della mattina sono esclusivamente dedicate alle scuole menzionate e si svolgono con la collaborazione di Terza Cultura, Csc Sigma e dell'Iss Peano di Firenze, nel pomeriggio la visita è aperta alla cittadinanza e prevede l'iscrizione gratuita (cell. 36601434509, email visiteguidate@terzacultura.it). In considerazione che il parco non riaprirà al pubblico presumibilmente prima dell'aprile 2018, si tratta di una buona occasione per una visita ad uno dei più interessanti dei dintorni di Firenze, patrimonio dell'Unesco dal 2013.

Convegno sulle alberature a Firenze di Italia Nostra e Coordinamento Cittadino Tutela Alberi al Teatro Affratellamento (Via Orsini 73, dalle ore 16.30). Il convegno intende rappresentare un momento di discussione e comunicazione sul problema delle alberature di Firenze per verificare e sostenere, come linea programmatica, un altro approccio e un'altra visione della gestione del verde urbano rispetto a quello messo in atto in questi ultimi mesi dall’Amministrazione comunale cittadina, con esiti drammatici e di alterazione della foresta urbana fiorentina. Al Convegno sono stati invitati l’Assessore all’Ambiente Alessia Bettini e i Gruppi consiliari del Comune di Firenze. Questi i punti oggetto di discussione:

- il verde urbano è un bene della comunità e una risorsa fondamentale per la salute e la qualità della vita, quindi da proteggere, curare, potenziare;

- il pericolo maggiore per la comunità non viene dagli alberi ma dall’inquinamento atmosferico e da una organizzazione della città che non è stata in grado di risolvere funzioni rilevanti, e anzi essenziali, quali la mobilità e i trasporti pubblici;

- la necessità, quindi, di interrompere la sequela di abbattimenti delle alberature urbane, azioni che rivelano l'assenza di un progetto d'insieme;

- l’apertura di un dibattito pubblico e di un processo realmente partecipativo che individui obiettivi, modalità e priorità attuative di un piano organico e coerente di gestione del verde urbano.

"La Repubblica Italiana riconosce il 21 novembre quale Giornata nazionale degli alberi, con la Legge n.10 del 14 gennaio 2013,Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani. Per celebrare la Festa dell'Albero 2017 l'amministrazione comunale sta organizzando piantumazioni di alberi e un convegno Stati Generali del Verde Pubblico mercoledì prossimo. Ma l'amministrazione sta facendo più che altro la Festa all'albero, visto quanto sta facendo in questi mesi e nel prossimo futuro - dichiara Miriam Amato, consigliera di Alternativa Libera- Con il taglio dei 300 alberi dell'estate scorsa, e la promessa al momento non mantenuta di ripiantarne 800, e con la previsione di tagli di circa 10.000 alberi nei prossimi anni, quelli considerati con la propensione al cedimento che si trovano lungo i viali, nelle strade e piazza più frequentate e quindi considerati più pericolosi. Con decine e decine di alberi tagliati in passato, di recente e prossimi a causa cantieri della tramvia. In questi mesi in Consiglio ho fatto ben 18 interrogazioni sui tagli degli alberi e una mozione, bocciata già dal PD in Commissione, con la quale chiedevo luna moratoria e il confronto di associazioni ambientaliste e cittadini con l'amministrazione e una comunicazione corretta e trasparente. E continuerò a battermi in Consiglio. Ben vengano questo convegno di Italia Nostra, in alternativa a quello dell'amministrazione, e questo nuovo Coordinamento Cittadino Tutela Alberi, come riferimento dei cittadini contro gli scempi e il taglio generalizzato di piante".

Redazione Nove da Firenze