La Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate

Tutte le iniziative sabato in Toscana


Sabato 4 novembre come ogni anno si celebra la Giornata dell’Unità Nazionale- Festa delle Forze Armate. Infatti ricorre l'anniversario della vittoria della Grande Guerra, celebrazione e ricordo dei suoi caduti. La Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, istituita nel 1919, oggi è una ricorrenza spesso trascurat,a ma di fondamentale importanza per la storia del nostro Paese e del mondo intero.

Sabato 4 novembre a Lastra a Signa alle 10 si terrà la Santa Messa presso la Chiesa della Misericordia e successivamente saranno deposte corone ai Monumenti ai Caduti in piazza Pertini e in via Dante Alighieri. Interverrà il sindaco Angela Bagni.

Domenica 5 novembre il comune di Signa deporrà una corona in occasione della Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate del 4 novembre.

A Castelfiorentino e celebrazioni prenderanno il via alla Chiesa di San Francesco, alle ore 10.30, con la Santa Messa in suffragio dei caduti. Alle 11.30 è previsto il raduno delle autorità e delle associazioni in Piazza Ulivelli; a seguire, il corteo che passando da Via Bovio e Corso Matteotti arriverà in Piazza Gramsci, per la deposizione di una corona di alloro al Monumento ai Caduti e l’intervento del Sindaco, Alessio Falorni. L’accompagnamento musicale sarà, come di consueto, della Filarmonica “G. Verdi”. In caso di maltempo, la conclusione delle celebrazioni si terrà al Ridotto del Teatro del Popolo.

A Reggello il programma delle celebrazioni prevede alle 9,30 nella sala del Consiglio Comunale il saluto del Presidente del Consiglio Comunale Giulio Gori. Subito dopo si svolgerà l’incontro con la “Giunta del Consiglio dei Ragazzi” dell’Istituto Comprensivo di Reggello che prevede anche la presentazione del lavoro “La Grande Guerra: Vita nelle trincee”. Al termine, alle ore 11 circa ci sarà la partenza dalla sede municipale, del corteo per la deposizione delle corone d’alloro ai monumenti ai caduti alla presenza delle autorità e dei rappresentanti delle Associazioni Combattenti e Reduci con l’accompagnamento musicale del gruppo “Sarabanda” dell’Istituto Comprensivo di Reggello.

Scarperia e San Piero le celebrazioni avranno inizio alle 9.30 a San Piero a Sieve presso il Parco della Rimembranza con il tradizionale alzabandiera e la successiva benedizione e deposizione della corona di alloro. A seguire la cerimonia si sposterà in Viale Matteotti a Scarperia per la deposizione della corona al monumento dei caduti. Prenderanno parte alla commemorazione il Gruppo Alpini di Scarperia e San Piero, l’istituto comprensivo di Scarperia e San Piero, le Associazioni del territorio e le Autorità che interverranno durante le due celebrazioni.

I comuni di Londa e San Godenzo oltre a quello di Dicomano hanno deciso di coinvolgere gli studenti della scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo di Dicomano-Londa e San Godenzo. L’idea di coinvolgere le giovani generazioni nelle celebrazioni nasce dal professore di Musica dell’istituto, Vinicio Conti, in collaborazione con gli insegnanti di Storia e delle Amministrazioni Comunali di Dicomano, Londa e San Godenzo nell’ambito del progetto “Musica e Territorio”. A Londa i festeggiamenti sono previsti per domani, venerdì 3 novembre, con ritrovo davanti alla Scuola alle 9.50 da cui partirà il corteo composto dai ragazzi di Londa, di Dicomano, dalla Banda Musicale di San Godenzo, dalle autorità civili per la deposizione delle corone ai Monumenti ai Caduti. Il giorno successivo l’iniziativa si sposterà a Dicomano e poi domenica 5 novembre a San Godenzo dove il ritrovo è alle 10,30 in piazza della Chiesa, alle 11 ci sarà la Santa Messa e poi alle 11,45 partirà nuovamente il corteo con la presenza dei ragazzi, delle autorità, della banda musicale e dal coro degli alunni. E’ un’iniziativa bellissima che vede protagonisti i giovani, i nuovi custodi della memoria storica delle comunità, parteciperanno anche gli Alpini, i Carabinieri e i gruppi delle Forze Armate in congedo.

Sabato 4 novembre, alle ore 17, alla biblioteca comunale di Gaiole in Chianti, si terrà l’iniziativa “Ricordi dal fronte”, con il contributo dei cittadini di Gaiole in Chianti Gino Chini di 97 anni e Rina Ceccherini di 89 anni. Una straordinaria occasione per ascoltare la testimonianza diretta di chi ha vissuto la guerra e per approfondire la conoscenza della storia locale. E’ prevista la proiezione del video “Io Ricordo- Racconti autobiografici del territorio chiantigiano”, un progetto amatoriale e autofinanziato, ideato e promosso dal gruppo archeologico Salingolpe di Castellina in Chianti. I protagonisti della video-intervista sono Gino e Rina, che sabato 4 novembre saranno presenti in biblioteca e parteciperanno al successivo dibattito.

A Prato la cerimonia inizierà con la messa in suffragio dei caduti nella Cattedrale di Santo Stefano in Piazza Duomo e alle 10,30 partirà il corteo per le vie cittadine per raggiungere piazza Santa Maria delle Carceri dove si terrà la cerimonia militare. Alle 10,45 si terrà la cerimonia dell’alzabandiera seguita dalla lettura da parte del Prefetto di Prato Rosalba Scialla del messaggio del Presidente della Repubblica e dalla lettura da parte di un giovane studente del diario di un prigioniero pratese della Prima Guerra Mondiale. Infine verrà reso onore ai caduti con la deposizione della corona di alloro sotto il Monumento della piazza. Alle 11,30 in piazza San Marco al Museo "Casa delle memorie di guerra per la pace" si terrà la presentazione del decimo volume sulle memorie dei combattenti pratesi "Ultime voci". Alle 16 si terrà l'ammainabandiera. Alla manifestazione sarà presente la Fanfara dell'Associazione Nazionale finanzieri d'Italia, sezione Prato e al mattino l’Amministrazione Comunale provvederà alla deposizione delle corone di alloro ai Monumenti e Cippi commemorativi sul territorio comunale.

Redazione Nove da Firenze