Rubrica — Pugilato

​"I° Trofeo Gianni Giannini": serata di pugilato dilettantistico a San Piero a Sieve

foto archivio Nove da Firenze

Bella manifestazione, ma con strascico di polemiche


Serata di pugilato dilettantistico tecnicamente molto interessante quella alla quale ha potuto assistere un folto pubblico a San Piero a Sieve (FI), sabato 22 luglio, ma con strascico di polemiche che temiamo non si esauriranno velocemente. Undici incontri, equilibrati e avvincenti, tra atleti provenienti da quattro regioni che hanno onorato al meglio la memoria di Gianni Giannini, a cui era dedicata la riunione, un componente della grande "Famiglia" della Boxe Mugello scomparso prematuramente l'anno scorso a soli 47 anni.

Gli otto ragazzi della società mugellana impegnati sul ring portano a casa quattro vittorie, un pari e tre sconfitte, ma il bilancio è ottimo al di là del verdetto dei giudici, grazie alle prestazioni e all'impegno profuso da tutti e otto i pugili.

Ma veniamo ai singoli match: i due fratelli Bogonos, Antonio e Dragos, proseguono nel loro percorso iniziato da appena qualche mese ma fatto di continue vittorie e incontri più che convincenti. Il tredicenne Antonio ha combattuto con Malandra (Hurricane Boxe), un ragazzo vivace e pericoloso, gestendo bene il combattimento e riuscendo a prendere sempre il tempo all'avversario aggiudicandosi la vittoria, la sesta del suo record, fatto anche di un pari e una sconfitta. Percorso netto, invece, per il quindicenne Dragos, che inanella l'ottava vittoria in otto incontri, peraltro contro un avversario più grande ed esperto di lui, Matei (Boxing San Salvo), controllando bene l'incontro e dimostrando una maturità degna di un pugile molto più adulto.

Sconfitta per una delle altre grandi speranze del sodalizio borghigiano, Juri Balla, ma contro un avversario, Michetti (Boxe Avezzano), più grande di due anni. Balla ha combattuto molto bene ma la maggiore età ed esperienza hanno giustamente fatto pendere il giudizio a favore di Michetti. Ma il ragazzo mugellano non deve abbattersi, la vera crescita passa da occasioni come questa in cui ci si trova a dover affrontare avversari ostici e più navigati.

Cristian Martino esce vincitore da un incontro difficile per la maggiore altezza dell'avversario, Fontana (Sauli Boxe), ma dopo l'iniziale difficoltà ha saputo far proprio l'incontro grazie all'efficacia dei suoi colpi diretti.

Match vinto grazie alla potenza e all'esplosività, invece, per Adama Camara contro Smajlaj Erikson (Fight Club X Boxing). Camara ha dato l'ennesima dimostrazione delle grandissime potenzialità fisiche di cui dispone, se avesse soltanto un po' più di costanza nella preparazione in palestra potrebbe raggiungere grandi traguardi.

Ottimo pareggio per Alex Ciupitu contro un avversario estremamente esperto (oltre sessanta incontri all'attivo) come Siddhartha Bernardeschi (Boxe Pontedera). Anche Ciupitu, nonostante la delusione del Guanto d'Oro, è in continua crescita e su di lui la Boxe Mugello ripone molte speranze data la sua giovane età (appena venti anni).

Non è andata bene a Quartani, al suo terzo incontro, che ha perso ai punti con Brahimaj (Pugilistica Aretina), un ragazzo esordiente davvero bravo. Ma per Quartani vale lo stesso discorso di Balla, sono passi che servono a crescere per poter raccogliere in futuro maggiori soddisfazioni.

E per finire veniamo alla nota polemica della serata, quella relativa al combattimento di Areafyne contro Quinto della Verona Boxing Fighters. Il ventiduenne della Boxe Mugello evidentemente deve suscitare una notevole e inspiegabile antipatia nei giudici subendo ormai da tempo numerosi verdetti contrari che stanno seriamente indispettendo tecnici, dirigenti e pubblico, non soltanto di parte mugellana. L'ultimo episodio in ordine di tempo proprio sabato sera quando, dopo aver letteralmente dominato per le prime due riprese, tanto da aver aperto con un gancio sinistro una ferita all'avversario che aveva richiesto un primo controllo del medico, nella terza aveva provocato, con la sua boxe fatta di serie a due mani, un'ulteriore aggravamento della ferita che ha richiesto un'ulteriore controllo del medico che a 5 secondi dal termine ha decretato la fine anticipata del match. Arrivati al verdetto la sorpresa: vittoria a Quinto per testata involontaria di Arefayne.

L'episodio è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso e non è andata assolutamente a genio ai dirigenti ed ai tecnici mugellani che stanno già preparando un dossier sui torti arbitrali subìti da Arefayne da inviare a Roma, composto dalle riprese televisive di tutti i match incriminati. Ormai non è più una questione di verdetti giusti o meno, ma di tutela di un atleta che sta perdendo fiducia nei propri mezzi oltre che nel mondo del pugilato e anche di tutela dell'immagine più in generale dell'intero movimento pugilistico in tutte le sue componenti.

Un vero peccato, questo strascico polemico, perché la serata aveva offerto davvero combattimenti divertenti e validi sia dal punto di vista tecnico che agonistico.


Ufficio stampa Boxe Mugelllo

Il tabellino della serata:

43 Kg: Bogonos Antonio (Boxe Mugello-Schoolboy) batte ai punti Malandra Lorenzo (Hurricane Boxe-Schoolboy)

48 kg: Bogonos Dragos (Boxe Mugello-Junior) batte ai punti Matei Costantin (Boxing San Salvo-Youth)

69 kg: Baqloul Abderrazzak (APF-Senior) vs Cipriani Filippo (DNA Boxe-Senior): incontro pari

75 kg: Brahimaj Faton (Pugilistica Aretina-Youth) batte ai punti Quartani Alessandro (Boxe Mugello-Youth)

64 kg: Ronzitti Stefano (Vasto Ring-Youth) vince per squalifica contro Osmeni Redon (Boxe Valdisieve-Youth)

63 kg: Pasquini Maurizio (DNA Boxe-Youth) batte ai punti Yassin (APF-Junior)

57 kg: Michetti Andrea (Boxe Avezzano-Youth) batte ai punti Balla Yuri (Boxe Mugello-Junior)

60 kg: Martino Christian (Boxe Mugello-Elite) batte ai punti Fontana Gino (Sauli Boxe-Elite)

52 kg: Arefayne Hermon (Boxe Mugello-Elite) vs Quinto Stefano (Verona Boxing Fighters-Elite): vince a 5' dalla fine della terza ripresa Quinto per testata involontaria

75 kg: Camara Adama (Boxe Mugello-Elite) batte ai punti Smajlaj Erikson (Fight Club X Boxing-Elite)

75 kg: Ciupitu Alexandru (Boxe Mugello-Elite) vs Bernardeschi Siddhartha (Boxe Pontedera-Elite): incontro pari

Redazione Nove da Firenze