​Domenica 9 ottobre il Santa Maria Novella Day

Una giornata di apertura gratuita per visitare i nuovi spazi liberati dall’ex caserma Mameli


Domenica 9 ottobre il Santa Maria Novella DayUna giornata di apertura gratuita per visitare i nuovi spazi liberati dall’ex caserma Mameli

La Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, che occupa da quasi un secolo un’ampia porzione del complesso di Santa Maria Novella e il contiguo Monastero Nuovo, si è da poco trasferita nella nuova sede di Castello. Si sono liberati così gli spazi occupati dalla caserma Mameli (oltre 20.000 metri quadrati), fra i quali sono inclusi alcuni fra gli ambienti più significativi dell’antico convento domenicano che verranno integrati nel percorso di visita del Complesso Monumentale di Santa Maria Novella. Per offrire subito un’anteprima della futura espansione del museo, domenica 9 ottobre, dalle 9 alle 18, si svolgerà il Santa Maria Novella Day, una giornata di apertura gratuita che darà la possibilità di vedere il Chiostro Grande e il Dormitorio inferiore settentrionale (ultimo ingresso ore 17.30, accesso da piazza Stazione 6).
Il Santa Maria Novella Day vedrà la collaborazione di MUS.E e del FAI - Fondo Ambiente Italiano, Presidenza Regionale FAI Toscana, che ha coinvolto gli alunni del Liceo Scientifico "A. Gramsci", in qualità di Apprendisti Ciceroni® della Delegazione FAI di Firenze, e i ragazzi del Gruppo FAI Giovani per fornire ai visitatori informazioni storiche e artistiche sui pregevoli ambienti visitabili.
L’attuale percorso di visita include la Basilica, di proprietà del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno e in gestione all'Opera per Santa Maria Novella, e gli ambienti del convento adibiti a Museo di pertinenza civica, ovvero il Chiostrino dei Morti, il Chiostro Verde, il Cappellone degli Spagnoli, la Cappella degli Ubriachi e il Refettorio. In futuro entreranno a far parte permanentemente del percorso museale anche il Chiostro Grande, la Cappella di Leone X o del Papa e gli antichi Dormitori conventuali, che verranno destinati in parte ad area visitabile e in parte alla nuova area dei servizi di accoglienza al pubblico. L’attuale superficie museale, di circa 5.900 mq complessivi di superfici coperte fra Basilica e Museo, è dunque destinata ad ascendere a ben 10.300 mq di superfici coperte.
Eccezionale l'importanza storica e artistica degli spazi che verranno aperti alla pubblica fruizione, a partire dal trecentesco Chiostro Grande. Così detto per le monumentali dimensioni dei suoi lati, costituiti da 56 campate a tutto sesto, ospita uno straordinario ciclo di affreschi dipinti in massima parte nel Cinquecento dai maggiori pittori dell’Accademia fiorentina, tra i quali Alessandro Allori, Santi di Tito e il Poccetti.
Il suggestivo Dormitorio che delimita il lato settentrioniale del Chiostro Grande, costruito entro i primi decenni del Trecento, si caratterizza per la maestosità dell’ambiente spartito da due sequenze di snelli pilastri che sostengono volte a crociera; sulle sue pareti si conservano alcuni resti dell’originaria decorazione pittorica che ne rivestiva le superfici. 

Redazione Nove da Firenze