Campagna elettorale: terra bruciata intorno a CasaPound

Annullato anche il dibattito, organizzato per domani dal Consiglio dei Giovani di Certaldo, a cui avrebbe dovuto partecipare un rappresentante dell'organizzazione di estrema destra. La ministra Fedeli: "A Cascina si capisce bene la partita in gioco il 4 marzo: l'alternativa è tra noi e chi nega i valori della Costituzione”


"Ormai questa campagna elettorale è scaduta nel ridicolo grazie alle sceneggiate degli antifascisti e così anche a Certaldo abbiamo assistito al grottesco teatrino all'insegna del puerile 'se ci sono loro non veniamo noi'", questo il commento dei candidati di CasaPound Federica Fusinato e e Tommaso Ceccarelli, dopo la notizia dell'annullamento del dibattito, che avrebbe dovuto tenersi domani sera a Certaldo, per l'annunciata assenza dei rappresentanti di PD, LeU e Potere al Popolo. "Ormai siamo alla barzelletta", proseguono i candidati di CPI, "con i compagni che si pongono il dilemma morettiano se li si nota di più se non vengono o se vengono e se ne stanno in disparte. Comunque dobbiamo essere loro grati perché così per la gente sarà più facile capire chi non ha timore di portare avanti le proprie idee avendo una proposta politica seria e concreta". "Infatti", concludono Ceccarelli e Fusinato, "noi continueremo a dare la disponibilità a presenziare a qualsiasi dibattito visto che siamo molto più democratici noi, nei fatti, di quegli pseudodemocratici di sinistra che sfuggono al confronto perché incapaci di parlare al Popolo italiano dopo i disastri compiuti al governo negli ultimi 5 anni".

"Giro molto, per tutta la Toscana e tutta Italia e incontro amministratori di vari colori politici, ma mai mi è capitato di incontrare una sindaca che disconosce i valori fondamentali della convivenza democratica e del rispetto della Costituzione come Ceccardi" la ministra Valeria Fedeli è sinceramente preoccupata dalla situazione in cui è costretta Cascina."Ad esempio - spiega - quando la sindaca esce dall'Anci magari guadagna un paio di titoli e qualche foto sui giornali, ma nei fatti rompe un dialogo con le altre istituzioni e spinge Cascina e i suoi abitanti verso l'isolamento" "Quando ostacola l'iscrizione agli asili nido dei bambini perché figli di coppie miste - spiega Fedeli - la sindaca viola apertamente l'articolo 3 della Costituzione che non solo vieta qualsiasi discriminazione delle persone in base a sesso, razza, religione e fede politica ma prescrive che la Repubblica, e quindi tutte le sue istituzioni in cui è compreso anche il Comune di Cascina, si adoperi per rimuovere gli ostacoli materiali e immateriali che producono disuguaglianze. Ecco a Cascina la sindaca fa il contrario. Così come indebolisce l'impegno per il rispetto, la parità e contro la violenza sulle donne abolendo la Consulta delle Pari opportunità.” “Conosco la sindaca da tempo – spiega Fedeli – fin da quando, approvata una legge di civiltà come quelle sulle unioni civili, si rifiutava di celebrare quelle unioni. Allora detti la mia disponibilità per venire io stessa a celebrarle: era uno scandalo negare diritti garantiti dalla legge.” “Il problema è che Cascina per la destra è oramai un modello da portare ad esempio. Un fatto che dovrebbe far riflettere tutti in vista del 4 marzo perché se non vincerà il centrosinistra è ovvio che la conseguenza sarà aprire le porte del governo a una destra leghista pronta a portarci nel passato. Non ce lo possiamo permettere per le nostre imprese, che non hanno nulla da guadagnare dal protezionismo in un territorio che si basa sull'export, né i nostri figli, cui dobbiamo garantire un Paese aperto, democratico, solidale” chiosa amara Fedeli. Il 4 marzo abbiamo l'opportunità di ribadirlo. Faccio appello allora a tutte e tutti gli elettori di sinistra, ai democratici, ai moderati che si riconoscono nella Costituzione: il centrosinistra è l'unica scelta. L'unica possibilità per un governo dalla parte del lavoro, dell'uguaglianza e delle pari opportunità sono il Pd e i suoi alleati. Lo dico anche a chi pensa di votare alla nostra sinistra: l'alternativa al Pd non sono loro, ma la Lega e i 5 stelle.”

Redazione Nove da Firenze