Vandali si accaniscono sul monumento del Porcellino

La scoperta risale a venerdì sera, ma il presidente del Quartiere 1 Stefano Marmugi ne ha dato notizia stamani lanciando l'allarme sull'atto vandalico. No comment da parte della Municipale


DECORO —
Stamani il presidente del Quartiere 1 Stefano Marmugi ha segnalato agli organi di stampa il grave gesto vandalico messo a segno ai danni della statua del Porcellino in Piazza del Mercato Nuovo. Il muso scheggiato del prezioso simbolo cittadino appare vistoso, ma non se ne curano i turisti che assiepano il monumento.

Il cinghiale raffigurato (da sempre però "Porcellino"), è una copia della copia (l'originale marmoreo è agli Uffizi, mentre quello bronzeo del Tacca è al Museo Bardini), ma è conosciutissimo per essere meta imprescindibile sull'itinerario turistico cittadino. Ogni giorno migliaia di turisti ambiscono ad accarezzare il muso dell'animale, gesto che, secondo la tradizione, sarebbe di augurale auspicio.

La Polizia Municipale fiorentina di via delle Terme questa mattina ha dichiarato "No comment". "Nessuno parla, sono tutti impegnati e comunque non abbiamo niente da dire. Sappiamo tutto ed è stato tutto trasmesso a Palazzo Vecchio, ma qui non rilasciamo dichiarazioni" così l'ufficiale di presidio.

La scoperta risalirebbe a venerdì sera, secondo un racconto informale avvenuto da parte degli agenti che avrebbero riscontrato il danneggiamento. La notizia è arrivata solo in mattinata e non vi è 'notizia di reato' né un colpevole fuggito e non identificato. A detta di chi vive quotidianamente il mercato potrebbe "essere in quelle condizioni da tempo".



Ant. Len.

Redazione Nove da Firenze