Venditori abusivi a Firenze, esposizione shock in piazza Signoria

Un gesto eclatante per mostrare i proventi dei controlli effettuati in centro storico negli ultimi mesi


L'abusivismo è al centro dell'agenda di Palazzo Vecchio che più volte nel corso degli anni ha rilanciato azioni mirate e task force cui hanno partecipato varie forze armate con un coordinamento rivolto ad intercettare non solo la vendita ai turisti ma anche a scovare i punti di stoccaggio ed approvvigionamento delle merci, spesso rintracciati sempre nella zona centrale presso attività su strada prestate all'uso di deposito occasionale.

Nelle ultime settimane l'ultima campagna con le scritte spray allo yogurt sull'asfalto indirizzate ai turisti invitati a non acquistare oggetti contraffatti.

"Giorno dopo giorno Polizia Municipale, Guardia di Finanza a forze dell'ordine combattono questo grave fenomeno. Non solo sanzionando chi vende, ma puntando a chi sta dietro questo mercato illecito. E ricordo che anche chi compra oggetti contraffatti commette un reato oltre ad alimentare questo commercio" sono le parole del primo cittadino di Firenze 

"
Guardate questa foto. No, non è arte contemporanea in piazza della Signoria. È una piccola parte dei quasi 79mila pezzi che solo i vigili hanno sequestrato ai venditori abusivi in questi primi sei mesi dell'anno" esclama Dario Nardella a quanti lo seguono online. 

Secondo i dati della Polizia Municipale, nei primi sei mesi del 2017 ci sono stati 1.896 sequestri e 78.719 pezzi sequestrati in aumento rispetto allo stesso periodo del 2016 quando il totale dei sequestri era pari a 1.450 (+31%) e i pezzi sequestrati 55.698 (+41%). A far la parte del leone i mesi primaverili, quando aumentano le presenze turistiche in città: per esempio a maggio e giugno di quest’anno ci sono stati rispettivamente oltre 23 mila (+181% rispetto al 2016 quando furono 8.516) e oltre 20 mila pezzi sequestrati (+96% rispetto al 2016 quando furono 10.575)

 Dal magazzino della Polizia Municipale con un camion e due furgoni è stata portata una parte degli ultimi articoli sequestrati dai vigili nei controlli quotidiani antiabusivismo e anticontraffazione. Numerose scatole dove è sigillata merce varie e moltissimi articoli, tra cui spiccano in particolar modo occhiali, poster, borse, materiale per la telefonia, articoli di pelletteria e di abbigliamento, che sono stati ammassati creando una sorta di piccola montagna.
All’evento erano presenti il sindaco Dario Nardella, l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi, il comandante della Polizia Municipale Alessandro Casale, il questore Alberto Intini, il comandante provinciale dei Carabinieri Giuseppe De Liso, il colonnello della Guardia di Finanza Francesco Lamberti, il consigliere speciale del sindaco su legalità e sicurezza Giuseppe Quattrocchi. 

“Con questa iniziativa – ha dichiarato il sindaco Nardella – vogliamo dimostrare concretamente la mole di lavoro che la polizia municipale e in particolare la squadra antiabusivismo mettono in azione ogni giorno dell’anno. Questa merce, quasi un’istallazione di arte contemporanea, è solo un esempio di quanto sequestrato e in attesa di essere distrutto. I cittadini e anche i turisti devono capire che comprare questi prodotti è un reato”.

Non vogliamo colpire solo i venditori in strada – ha aggiunto il sindaco – ma tutti i livelli di queste organizzazioni criminali, fino ai magazzini che stoccano i prodotti contraffatti e chi li trasporta da un paese all’altro. Si tratta di un fenomeno grave e di vasta portata che deve essere combattuto. Puntiamo anche sull’educazione dei cittadini: se c’è chi vende è perché c’è chi compra, alimentando così il mercato illegale”.

L'assessore Gianassi ha pubblicato altre foto sui Social accompagnandole al commento: "I sequestri sono stati circa 1.900 e i prodotti sequestrati quasi 80.000 con un incremento di circa il 35% rispetto al primo semestre del 2016. A questi numeri vanno aggiunti poi tutti gli interventi delle altre forze di polizia. Sappiamo bene che c'è ancora molto da fare perché l'abusivismo è duro da estirpare, ma questi numeri mostrano impegno e determinazione della Polizia municipale in questa sfida che rilanceremo ancora. Con presidi, interventi in borghese per i sequestri, indagini. E anche con campagne informative, culturali e sanzionatorie per chi compra merce contraffatta alimentando così un mercato illegale".

Redazione Nove da Firenze