Turismo, Ciuoffo: "Conoscere i comportamenti dei turisti per migliorare gestione flussi"

Concia: “Una task force sui dati dei flussi turistici tra Regione, Città metropolitana e Comune”


FIRENZE- Durante i mesi estivi, il rapporto residenti-turisti a Firenze diventa di circa due a uno; 3 turisti su 4 si concentrano ad Accademia, Uffizi e Palazzo Pitti; la Firenze Card ha incoraggiato la visita ai musei considerati ‘minori' ma è diventata anche uno strumento per saltare le code (anche se solo da una minoranza, dato che in media gli utilizzatori visitano almeno 6 musei). Sono alcuni dei principali risultati della ricerca che è stata presentata ieri pomeriggio alla Stazione Leopolda di Firenze nell'ambito dell'edizione 2017 di Sharing Tuscany, il seminario di approfondimento sui principali trend del turismo internazionale organizzato da Toscana Promozione Turistica come anteprima al Buy Tuscany.

La ricerca analizza i movimenti dei turisti a Firenze provando a capire dove si concentrano nei vari momenti della giornata, quanti effettivamente affollano la città, da dove provengono e dove vanno dopo, quanto si fermano e cosa visitano durante il loro soggiorno. Un tipo di indagine unico nel suo genere. Il gruppo di studio, che fa parte del programma di Data Science for Social Good avviato dall'Università di Chicago nel 2013 per formare data scientists su progetti che hanno un elevato impatto sociale, ha deciso di scegliere Firenze considerando le peculiarità e l'impatto che il movimento turistico ha generato nel suo centro storico negli ultimi anni.

Lo studio prova a fare una fotografia quanto possibile accurata sui comportamenti dei visitatori a Firenze utilizzando come base i dati delle tracce digitali (Visitatori Musei, Utenti Firenze Card, Utenti Uffici Informazioni, Arrivi Aeroporto, Arrivi Bus turistici, Arrivi Navi da crociere) e quelli provenienti dalle reti mobili. Dati raccolti grazie alla partnership con Toscana Promozione e alla collaborazione con il Comune di Firenze.

"Un utilizzo di questi dati – ha commentato l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo - permetterebbe ad esempio ai musei, e ad altri luoghi di grande interesse turistico, di gestire in modo migliore i flussi durante la giornata, di decongestionare i momenti di punta e di creare un sistema per dare questo tipo di informazione al pubblico e cercare così di indirizzarli verso i luoghi meno affollati. Ad esempio attraverso la creazione di app o dando informazioni sul web per suggerire itinerari alternativi, con vantaggi reciproci. Oppure per pianificare al meglio la visita in determinati luoghi minimizzando i tempi di attesa. Tutto questo ovviamente, come sottolineano i ricercatori, necessiterebbe di fonti di dati ancora più dettagliate dato che la Firenze Card non traccia ad esempio i tempi di uscita dei visitatori dai musei, elemento che invece consentirebbe una stima molto accurata del numero di visitatori in un determinato momento della giornata".

In definitiva, la possibilità di raccogliere dati più puntuali permetterebbe di costruire sistemi di monitoraggio dotati di un elevato grado di affidabilità per la misurazione di comportamenti e spostamenti. "E' quello – ha concluso l'assessore Ciuoffo - a cui stiamo lavorando. Tutte soluzioni che consentirebbero da un lato di aumentare e migliorare la qualità dell'esperienza turistica e, dall'altro, di alleviare la pressione avvertita ed il disagio dei residenti del centro storico. Il nostro obiettivo è riuscire ad ottenere questo tipo di informazioni per modulare le politiche sull'accoglienza turistica, provando ad incidere direttamente sui comportamenti dei visitatori".

“Porteremo i dati delle ricerche fatte a Firenze sui flussi turistici al prossimo incontro con le cinque città d’arte convocato dal ministero del turismo per il prossimo 30 ottobre”. Ha annunciato all’incontro ’assessora al turismo, marketing territoriale, attrazione di investimenti, fiere e congressi Anna Paola Concia “I dati dell’innovativa ricerca su mobile analytics di Vodafone, quelli importantissimi forniti dalla ricerca Data Science for Social Good Europe, l’analisi dettagliata sull’uso della Firenze Card e sui musei, ci permettono di conoscere nel dettaglio i flussi turistici e i loro spostamenti per governarli, e di studiare quali ulteriori iniziative come amministrazione dobbiamo ancora prendere per delocalizzarli. Per questo ho proposto una task force sui dati dei flussi turistici tra Regione, Città metropolitana e Comune”. “L’obiettivo è lavorare su quei turisti che visitano la città senza pernottarvi – ha aggiunto l’assessora - attraverso politiche turistiche attive con gli altri comuni della città metropolitana, con la Regione stessa e con gli operatori turistici e promuovere la distribuzione dei flussi su tutti i mesi dell’anno. Lo studio presentato oggi ci apre uno scenario di sicuro interesse e ci offre lo spunto per lavorare su una programmazione più efficace e per trovare soluzioni di visita alternative”.

Redazione Nove da Firenze