Tir incastrato in piazza Bambine e Bambini di Beslan

Deviati i mezzi nel sottopasso sino all'intervento dei Vigili del Fuoco. Passerella dell’Isolotto: al via gli interventi propedeutici al rifacimento


Si è incastrato in piazza Bambine e Bambini di Beslan tanto che è stato necessario l’intervento dei vigili del Fuoco rimuoverlo e per liberare la strada. Si tratta di un tir che oggi, dopo le 17, ha ostruito la piazza dal lato di via Valfonda tanto che è stato necessario chiudere la corsia lato Palazzo dei Congressi. I mezzi in uscita dalla stazione sono stati deviati nel sottopasso. Alle 18.45 circa la riapertura alla circolazione.

Ha preso avvio ufficialmente oggi l’appalto per il rifacimento della Passerella dell’Isolotto. In questa prima fase, che andrà avanti per poco meno di due mesi, i lavori non avranno impatto sull’utilizzo della passerella: si tratta infatti della realizzazione della struttura metallica, necessaria per l'esecuzione dell'intervento, presso un’officina specializzata. Non sono quindi previste né chiusure né limitazioni al transito dei pedoni fino a fine giugno, quando scatterà la seconda fase dei lavori che prevedono lo smontaggio della vecchia campata e la sostituzione con quella nuova. In concreto il progetto, per il quale è stato stanziato poco più di un milione di euro, prevede la riqualificazione strutturale della passerella pedonale che è già stato oggetto, nell’estate 2015, di lavori d’urgenza per la messa in sicurezza dell’opera. Il progetto prevede il ripristino delle mensole in cemento armato e la sostituzione della campata centrale attuale in cemento armato con una più leggera in acciaio e calcestruzzo. Per quanto riguarda il primo punto, sarà effettuato un rinforzo della soletta superiore e il ripristino di tutte le superfici. Il cuore dell’intervento però è la sostituzione della campata centrale. La nuova campata, delle stesse dimensioni, ma più leggera perché realizzata in acciaio e rivestita in pannelli di calcestruzzo, opportunamente verniciati in modo da avere un aspetto simile a quello dell’attuale passerella. Verrà mantenuta la soletta in calcestruzzo ma la struttura sottostante sarà costituita da travi in acciaio che riprodurranno esattamente le pendenze delle superfici esterne della struttura attuale. Per ridurre i tempi della chiusura della passerella la campata metallica sarà assemblata per buona parte fuori opera e poi varata provvisoriamente in appoggio alle mensole a una quota superiore rispetto al piano di calpestio finale. In questo modo verrà utilizzata per sostenere la vecchia campata nel corso delle operazioni di taglio in parti e smontaggio. Ultimata la demolizione della vecchia campata si procederà al posizionamento alla quota corretta della nuova struttura e al getto della soletta. Poi seguiranno le rifiniture. Nell’occasione saranno ottimizzati gli impianti di smaltimento dell’acqua piovana e di illuminazione.

Redazione Nove da Firenze