Terremoto, tour informativo sul rischio sismico in Toscana

La decisione al tavolo dedicato Anci con l'assessore Fratoni, sindaci e tecnici


Via al tour di Anci Toscana nei Comuni dei territori più esposti al richio sismico, per illustrare i bandi regionali per gli interventi di prevenzione. E' quanto è stato deciso stamani al tavolo dedicato di Anci Toscana, che si è tenuto nella sede dell'associazione con l'assessore regionale Federica Fratoni, tecnici regionali e un gruppo rappresentativo di sindaci e amministratori. Una riunione importante, frutto dell'impegno congiunto dopo la lettera inviata dal presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni al presidente della Regione Enrico Rossi all'indomani del sisma nel Centro Italia "per discutere le nostre proposte e concordare una comune linea d’azione sui provvedimenti da adottare". Del tema si era anche discusso nella gionata di "DIre e Fare" dedicata all'urbanistica che si è svolta a dicembre a Scandicci.

Durante il tour, che sarà di otto tappe, saranno illustrati i tre bandi regionali per la prevenzione del rischio sismico, che riguardano i finanziamenti per gli studi delle microzone, gli interventi sugli edifici pubblici e i contributi per le abitazioni private. Alla riunione di oggi, oltre all'assessore Fratoni e al direttore di Anci Toscana Simone Gheri, erano presenti tra gli altri il sindaco di Barberino Val d'Elsa e responsabile del settore edilizia di Anci Toscana Giacomo Trentanovi, il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, il sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti; il sindaco di Castelnuovo in Garfagnana Andrea Tagliasacchi, il sindaco di Casola in Lunigiana Riccardo Ballerini, il sindaco di Vernio Giovanni Morganti e il sindaco di Sansepolcro Mauro Cornioli.

Redazione Nove da Firenze