Tamponi per chi viaggia, che caos: la Regione Toscana corre ai ripari

Il governatore Rossi ha scritto al Governo chiedendo l'obbligo della registrazione preventiva del rientro per chi va in Spagna, Grecia, Croazia o a Malta


Il presidente della Regione Toscana ha scritto una lettera ai Ministri dei trasporti, dell'interno e della salute per chiedere di prevedere l'obbligo della registrazione preventiva del rientro per i viaggiatori che partono dall'Italia diretti verso Spagna, Malta, Grecia e Croazia. La stessa richiesta era stata già avanzata al Governo un mese fa per i rientri da Albania e Romania.


L'obiettivo è quello di rendere realmente possibile l’esecuzione del test molecolare (tampone) prevista dall'Ordinanza del 12 agosto del Ministero della salute, evitando situazioni di caos, assembramenti e discussioni, come quelle che si sono già verificate nonostante dettagliate campagne di informazione e comunicazione subito avviate e l'attivazione immediata dei servizi di prevenzione delle Asl.
La registrazione preventiva del rientro, da effettuarsi attraverso siti o pagine web appositamente predisposti dalle Regioni, renderebbe più semplice per servizi di prevenzione del territorio italiano pianificare e dimensionare in anticipo tutte le azioni conseguenti, ed in particolare l'effettuazione dei tamponi.
La registrazione del ritorno dovrebbe essere ineludibile per consentire l'imbarco sull'aereo o sul vettore.

Il sito web predisposto dalla Toscana per comunicare il proprio rientro in Italia da Croazia, Grecia, Malta o Spagna - attivo dalle ore 20 di oggi, venerdì 14 agosto - è https://www.prevenzionecollettiva.toscana.it/welcome/pages/segnalazione_estero.html

Il numero verde regionale per prenotare i tamponi è 800 556060

Redazione Nove da Firenze