Rubrica — Fiorentina

Sofferenza e tenacia: così la viola vince

Un gol di Milan Badelj risolve la gara casalinga contro la Roma. Per i giallorossi palo di Nainggolan. Prova super di Valero.


La Fiorentina subisce, lotta, soffre e poi vince. La domenica che ha già regalato la seconda metà di settembre è dolce per i viola che battono una Roma che, probabilmente, porta a casa meno di quello che avrebbe meritato.

La rete decisiva di Badelj, con sospetta posizione di fuorigioco attivo di Kalinic, regala ai toscani tre punti che servono a tanto: muovono in modo importante la classifica e, soprattutto, compattano un ambiente apparso "caldo" dopo le polemiche legate al mercato estivo.

La Roma lascia Firenze a mani vuote con il rammarico di aver vinto, ai punti, tutta la prima frazione e con la consapevolezza legata al fattore sfortuna: se il palo di Nainggolan, che ha proceduto di poco la rete gigliata, non avesse tolto la rete ai capitolini avremmo sicuramente parlato di una altro match.

Sullo sfondo uno stadio che ha goduto di una serata magica condita da una vittoria prestigiosa che lancia le ambizioni della Fiorentina. Sfondo colorato dalle prove maiuscole di Borja Valero, uomo ovunque, e di Carlos Sanchez autentico "muro" davanti alla difesa.

Scusate se è poco: ma alla serata del "Franchi" proprio non si poteva chiedere di più.

nella foto Borja Valero tra i protagonisti di questa sera

Fiorentina — rubrica a cura di Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro

Giuseppe Saponaro — Pugliese di origine e senese di adozione è giornalista pubblicista, operatore dell'informazione nel pubblico impiego e scrittore

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it