Siccità: gli alberi perdono le foglie, le alghe conquistano il fiume

L'Arno, proprio nei pressi di Ponte Vecchio coperto di piante acquatiche


Nei giorni scorsi Nove da Firenze ha dato conto del fenomeno delle foglie secche provocato dalla siccità, con le alberature che si difendono lasciando cadere anzitempo le foglie. Un altro fenomeno legato agli eventi climatici estremi è quello della proliferazione anomala di altri organismi.

Un lettore di Nove da Firenze segnala alla redazione la crescita abnorme di alghe in Arno. Ma forse si tratta di piante acquatiche che hanno le radici del fondo sul fiume. In particolare, vicino al Ponte Vecchio il lettore documenta con una foto la situazione. "Urge intervento immediato di pulizia -ci scrive L. G.- per il decoro della città nel luogo più frequentato in assoluto dai turisti. Anche perché vi restano impigliate bottiglie e bottigliette".

Il fenomeno della proliferazione delle macrofite si era già verificato negli anni più caldi dell'ultimo decennio, ad esempio nel 2012. Si tratta di piante comuni, non pericolose per l' ambiente e per l'uomo, ma il fenomeno è certamente antiestetico e si ripresenta regolarmente anche a causa del fatto che il letto del fiume non viene più dragato e quindi le radici restano da una stagione all'altra. Anni fa risultavano visibili addirittura su Google Maps. Ce ne sono altrettante sotto le finestre dell'hotel Excelsior, certo non un bel biglietto da visita per la città.

Nicola Novelli