Rubrica — L'Avvocato Risponde

Rifacimento della terrazza: lavori e spese in regime di separazione

Argomento spinoso e di stretta attualità quello della ripartizione delle spese di manutenzione degli immobili tra coniugi separati


Gent.mo Avvocato Visciola,
mi sono separato da mia moglie, alla quale è stata assegnata la casa familiare, di cui siamo comproprietari. La separazione prevede a mio carico solo le spese straordinarie. Adesso è stato deciso di procedere al rifacimento della terrazza di copertura. Su chi gravano le spese? La ringrazio.

Gentile Signore,
una guida dell'Agenzia delle Entrate sulle agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie ricomprende tra gli interventi di manutenzione ordinaria l'impermeabilizzazione di tetti e terrazze.
Nel caso di rapporti in sede di separazione, si tende comunque a far riferimento ai parametri di suddivisione delle spese tra proprietario ed inquilino, per analogia con quei casi in cui vi è una scissione tra proprietà dell'immobile ed il godimento del medesimo. Anche nelle locazioni, infatti, vi è una distinzione tra ordinaria e straordinaria manutenzione per quanto attiene al riparto delle spese, spettando le prime a chi ha il godimento dell'immobile (il conduttore) e le seconde a chi ne è proprietario (il locatore).
Analogamente, nella separazione, le spese di ordinaria amministrazione vengono fatte gravare sul coniuge assegnatario dell'immobile e quelle di straordinaria amministrazione sul proprietario del medesimo.

La tabella di Confedilizia del 1994
prevedeva un riparto ben preciso in ordine alle spese relative ai terrazzi, gravando sul proprietario il rifacimento della struttura del coperto, ivi compreso il manto e il rifacimento nei lastrici solari del manto impermeabilizzante e della sovrastante pavimentazione. Sul conduttore, invece, gravavano le spese per la ripassatura e riparazione del manto di copertura e la riparazione delle pavimentazioni, ove ne abbia diritto all'uso.
La più recente tabella Confedilizia Sunia– Sicet–Uniat del 2014 più genericamente distingue tra manutenzione ordinaria del tetto e lastrico solare – a carico dell'inquilino – e manutenzione straordinaria del tetto e lastrico solare – a carico del proprietario.

Per rispondere puntualmente al suo quesito, andrebbe dunque verificato esattamente quanto disposto in sede di separazione e, soprattutto, in cosa realmente si concretizzino i lavori sulla terrazza di copertura.
In ogni caso, la sua partecipazione alle eventuali spese di straordinaria amministrazione dovrà avvenire nella misura del 50%, rimanendo la restante parte a carico di sua moglie, in quanto comproprietari.

L'Avvocato Risponde — rubrica a cura di Roberto Visciola

Roberto Visciola

Roberto Visciola — Avvocato in Firenze, laureato col massimo dei voti e lode, socio fondatore dell'Unione nazionale avvocati per la mediazione, è autore di libri e pubblicazioni con importanti case editrici e riviste di settore, quali Cedam, Italia Oggi, Giustizia Civile, Gazzetta Notarile, Nuova Giuridica, Nuova Rassegna e Altalex. Svolge attività di consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale principalmente nei settori del diritto amministrativo e civile, prediligendo i sistemi di ADR, quali mediazione e negoziazione assistita.

E-mail: robertovisciola@gmail.com