​Pulizie sanitarie, una gara regionale da 594 milioni di euro

La Cgil e la Filcams: “Scadenza importante per il servizio e l’occupazione”


Nella prossima settimana dovrebbe chiudersi l'iter della gara per i nuovi appalti della sanità toscana per le pulizie sanitarie e la sanificazione, negli ospedali, negli ambulatori, nelle Asl, nei presìdi sanitari. L’ammontare complessivo è di 594 milioni di euro (in tre lotti) per sei anni, circa 3mila le lavoratrici e i lavoratori interessati.

La nota di Mauro Fuso (segreteria Cgil Toscana) e Cinzia Bernardini (Filcams Cgil Toscana): “Ci preme sottolineare la doppia importanza di questa scadenza legata da una parte alla qualità degli appalti, fondamentale per l'igiene degli ambienti e la loro sicurezza, e dall'altra alla salvaguardia reddituale e occupazionale, trattandosi della prima gara successiva agli accordi con la Regione Toscana sulla clausola sociale. All’interno della vertenza che abbiamo aperto sulla sanità toscana, si tratta di una verifica importante sugli accordi presi su questo bando: gli importi economici previsti per gli appalti(superiori ai precedenti), l'applicazione dello specifico Contratto Nazionale che tutela il monte orario e la clausola di salvaguardia occupazionale sottoscritta dalla Regione. Nella vertenza sanità la valorizzazione del lavoro è uno dei punti principali, perché da essa trae giovamento il servizio ai cittadini”.

Redazione Nove da Firenze