Rubrica — Fiorentina

La Fiorentina è sconfitta dal Torino

Torino-Fiorentina

I Viola creano ma non pungono. La difesa in affanno soffre le ripartenze del Torino. Impalpabile Ilicic. In ombra Badelj e Borja Valero. Bene Sanchez e Bernardeschi. In goal Babacar.


Una sconfitta a Torino che, forse, non ridimensiona le ambizioni dei Viola ma induce ad alcune riflessioni. La Fiorentina è ancora una squadra alla ricerca di un gioco. Non manca la forma fisica, il livello tecnico è buono, ma difetta quella cattiveria agonistica necessaria per vincere contro una squadra determinata e volitiva come il Torino.

Sousa schiera “naturalmente” Kalinic unica punta con Ilicic e Borja Valero. Bernardeschi è in campo dal primo minuto, mentre in difesa rientra Astori.

I Viola appaiono subito motivati. Al quinto Borja Valero serve Kalinic in area, il croato cade nel contrasto con un difensore granata, l'arbitro lascia correre. Un minuto dopo un bello spunto di Bernardeschi sulla destra è fermato in angolo.

Al decimo minuto si rende pericoloso il Torino, con un bel cross di Zappacosta per Belotti che di testa manda fuori. Il Torino ci prova ancora con Zappacosta che, dalla distanza, tira fuori.

La squadra granata insiste e, al quarto d'ora, trova il goal: Iago Falque conquista palla, dopo un contrasto con Salcedo, tocca palla di mano, continua indisturbato l'azione e batte Tatarusanu. C'è un'evidente incertezza del guardalinee che sembra propenso a segnalare il fallo, ma l'arbitro ignora, lascia concludere l'azione e il Toro è in vantaggio. E' comunque il Toro a cercare ancora il goal. Al venticinquesimo Tomovic recupera su Belotti lanciato a rete, poi una difficile mischia in area è sbrigliata con qualche affanno dalla difesa viola. La Fiorentina soffre la velocità di Iago Falque e di Belotti, ma prova a riequilibrare la gara. Dopo la mezzora Bernardeschi serve da destra un bel pallone per Kalinic che colpisce di testa ma tira addosso al portiere. I Viola appaiono, comunque, in crescita e schiacciano il Torino. Al quarantunesimo Sanchez, il migliore dei Viola, raccoglie una respinta della difesa e tira fuori di poco. Il tempo finisce con la Fiorentina che fa gioco, crea ma non riesce a finalizzare.

Nella ripresa Sousa toglie l'impalpabile Ilicic e schiera Zarate. I Viola attaccano e giocano una discreta gara, anche se evidenziano notevoli difficoltà in un centrocampo dove l'unico che non sbaglia mai è il “mediano” Sanchez, mentre Badelj e poi Vecino compiono troppi errori di misura. Al quindicesimo arriva il raddoppio granata: Iago Falque smarca Benassi che, scattato sul filo del fuorigioco, sorprende una distratta difesa viola e tutto solo in area batte agevolmente Tatarusanu.

I Viola ripartono alla ricerca del goal, intessono buone trame di gioco ma non riescono a passare. Al ventesimo ci prova Borja Valero, ma Hart respinge. Quattro minuti dopo ci prova Milic con un bel tiro che finisce fuori. La Fiorentina è sfortunata e imprecisa. La gara si riapre, quasi, allo scadere del tempo. E' il trentanovesimo, quando Babacar mette in rete di testa un bel cross di Milic.

Mancano pochi minuti alla fine. I Viola cercano il pareggio, ma il Torino gestisce con intelligenza la gara e conquista una vittoria meritata per la determinazione e il carattere. Forse un pareggio sarebbe stato il risultato più giusto per quanto visto in campo, ma i Viola hanno mostrato oltre a alcune incertezze in difesa e a centrocampo, evidenti difficoltà in fase realizzativa.

La sosta del campionato, ci auguriamo, aiuterà a porre rimedio a queste lacune.

Nel dopo gara Sousa ha dichiarato ai microfoni di Premium: "Tutti noi sbagliamo, prendiamo decisioni che non sono le migliori. Io mi sono solo arrabbiato perché il guardalinee e il quarto uomo hanno segnalato all'arbitro il fallo di mano, ma lui ha mantenuto la sua decisione. Ma andiamo avanti, dobbiamo lavorare per creare quanto oggi. Abbiamo creato tante buone occasioni, contro una squadra di qualità, che ci ha creato problemi nelle transizioni. Quando abbiamo dovuto rischiare, abbiamo concesso spazi ai nostri avversari, abbiamo messo più uomini in area. Abbiamo cercato in ogni modo di far gol, ma non ci siamo riusciti. Equilibrio tra potenziale offensivo e difesa? Dobbiamo sempre migliorarci nel nostro gioco, in attacco come in difesa. Dobbiamo migliorare sui cross e sugli ultimi passaggi, anche oggi potevamo avere opportunità più concrete di quanto avuto".

Torino-Fiorentina 2-1

Torino (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Castan, Barreca; Acquah, Valdifiori, Benassi (41' st Baselli); Iago Falque (26' st Martinez), Belotti,, Boye (13' st Ljajic). Allenatore: Mihajlovic.

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, Astori, Salcedo; Bernardeschi (22' st Babacar), Sanchez, Badelj (22' st Vecino), Milic; Ilicic (1' st Zarate), Borja Valero; Kalinic. Allenatore: Sousa

Arbitro: Calvarese di Teramo

Marcatori: 15' pt Iago Falque; 15' st Benassi; 39' st Babacar

Note: ammoniti Castan, Sanchez, Salcedo

Fiorentina — rubrica a cura di Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri — Giornalista e scrittore, laureato in Lettere, ha pubblicato su testate giornalistiche nazionali e locali (Paese Sera, Avanti, Teleregione, Industria Toscana, Michelangelo, Ricerche Storiche)

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it