Ippica in Toscana: cavalli rapiti a Pisa, grave danno per il settore

Tra gli esemplari l'erede di Varenne


La notizia del rapimento di due cavalli da corsa, che si è consumato in una notte di pioggia che non ha lasciato impronte, è avvenuto a Staffoli, nei pressi di Pisa, poco dopo le 5 del mattino, quando l’allenatore si è recato in scuderia per dare da mangiare ai cavalli.

"Si tratta di Unicka, una cavalla straordinaria di 4 anni, la migliore della sua generazione, in Italia e in Europa, e Vampire Dany, un maschio baio erede di Varenne. Cavalli che fanno sognare, simboli positivi e vincenti di un’ippica che sta attraversando un momento non facile” così commenta il deputato Dem, Edoardo Fanucci.

“Rapire Unicka e Vampire Dany - prosegue il parlamentare toscano - vuol dire voler colpire a morte tutta la filiera ippica, un settore che, grazie a questi cavalli, aveva ritrovato speranza e fiducia. Significa portare via un patrimonio italiano, che come ogni grande Campione, appartiene a tutti. Un abbraccio forte ai proprietari, Giovanna e Gianluca Lami. Non solo proprietari, ma imprenditori lungimiranti, appassionati e capaci che rappresentano la parte migliore del nostro movimento ippico. Chiunque abbia pianificato e compiuto questo atto criminale ha ferito il nostro orgoglio nazionale sfregiandone l’immagine, non esiste ristoro o soluzione. Il danno è enorme e incalcolabile. Siamo fermamente convinti che le Istituzioni e le Forze dell’ordine - conclude Edoardo Fanucci - lavoreranno affinché Unicka e Vampire Dany possano tornare presto a casa. Noi ci crediamo, con fiducia e convinzione”.

Redazione Nove da Firenze