Giustizia per Snoopy, mobilitazione animalisti a Livorno

Le sette sigle animaliste danno appuntamento a Livorno, in Piazza Grande, a partire dalle ore 14:00 di sabato 4 novembre


Una mobilitazione generale. Un grande movimento nazionale di protesta per chiedere giustizia per Snoopy e per tutte le altre creature vittime della violenza umana. Con questo obiettivo Animalisti Italiani Onlus, ha organizzato la manifestazione nazionale “Per non dimenticare Snoopy”, in programma a Livorno per sabato 4 novembre, in Piazza Grande, a partire dalle ore 14:00. In piazza, al fianco dell’associazione presieduta da Walter Caporale, anche Enpa, Leal, Lndc, Leidaa, Lav e Oipa. Sabato ci sarà anche il Sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, a dimostrazione di come anche la stessa amministrazione locale sia sensibile al tema in questione e punti a far capire come Livorno e i livornesi siano contro ogni forma di violenza e ingiustizia.

Un evento molto sentito dalle sette associazioni coinvolte che, insieme, vogliono così esprimere la loro vicinanza alla famiglia di Snoopy, il cane meticcio ucciso sul balcone della sua casa di Livorno da un colpo di carabina.

L’obiettivo della manifestazione vuole essere proprio questo: ribadire la necessità di inasprire le pene per chi maltratta o, nel caso di Snoopy, uccide gli animali. "Il giudice di Livorno ha accettato la richiesta di messa alla prova che di fatto ha sospeso il processo. Quindi l'autore del gesto, svolgerà soltanto otto mesi di servizi sociali e corrisponderà un irrisorio risarcimento alla famiglia mantenendo al tempo stesso la sua fedina penale immacolata. Otto mesi di servizi sociali nonostante abbia spezzato la vita di una creatura innocente che non stava dando fastidio a nessuno. Una creatura uccisa sul balcone della sua casa".

Animalisti Italiani Onlus, Enpa, Leal, Lndc, Leidaa, Lav e Oipa non ci stanno, e per questo scenderanno in piazza una di fianco all’altra per urlare tutto il proprio sdegno: “Con questa manifestazione si vuole tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica su un crimine così efferato come l’uccisione del cane Snoopy. Allo stesso tempo, abbiamo deciso di scendere in piazza perché le Istituzioni Italiane devono, una volta per tutte, approvare una legge seria che preveda pene severissime e certe per chi si macchia di reati del genere. Chi si arroga il diritto di togliere la vita a qualcuno deve andare in carcere. Chi uccide un essere vivente è, a tutti gli effetti, un assassino, e in quanto tale non può cavarsela solo con qualche mese di servizi sociali e una somma simbolica di risarcimento. La vita è un qualcosa che non si può risarcire e tutti noi, sabato 4 novembre 2017, saremo a Livorno al fianco della famiglia di Snoopy per ribadire, ancora una volta, questo concetto fondamentale”.

Redazione Nove da Firenze