Coemm: precisazioni del prof. Galloni sulla notizia di ieri

In risposta all'articolo a firma di MaxBin


Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal prof. Antonino Galloni una richiesta di precisazione sull'articolo pubblicato ieri da Nove da Firenze sugli ultimi sviluppi della vicenda del Comitato etico per un mondo migliore:

“Gentilissimi,

è con grande stupore che leggo il vostro articolo e la mia citazione, nata da una valutazione quantitativa di tempo fa ora superata da un aumento degli iscritti del 35% circa: quindi, potreste dire che Maurizio Sarlo incassa circa 125.000 euro al mese. Ora, a parte che sono parecchi quelli che non pagano, non vi siete interrogati sul fatto che 1.500,00 euro al mese non hanno niente a che fare con l'euro di 80, 100, 120.000 persone? Allora fate giornalismo un po' meglio: avete diritto allo scetticismo, sollevate pure il tema di un non raggiungimento dell'obiettivo, ma, per carità non confondete 100.000 euro al mese con 1,5 miliardi.”

Antonino Galloni

Rispetto alla nota del prof. Galloni, a cui diamo il dovuto risalto, Nove da Firenze risponde tuttavia di non aver fatto nessuna confusione: abbiamo solo citato dati forniti, dai quali si deduce che Sarlo incassa un euro al mese da ciascun iscritto, a cui promette € 1.500 da tre/quattro anni. Pur essendo cose distinte, è naturale metterle in relazione. Ancora oggi nessuno ci ha spiegato da dove il Coemm tirerà fuori i 1.500 euro al mese per tutti. Ed è bene ricordarlo: l'ultima promessa scade a settembre 2017. O il Coemm erogherà le somme promesse, o la gente...

Nicola Novelli