Clinica Villa Mafalda, robotica ed endoscopia

La Toscana si conferma punta di diamante del settore.


La Toscana, anche a livello nazionale, si pone come un vero punto di eccellenza per quel che concerne la robotica e le nuove tecniche endoscopiche, mettendo in luce un aspetto tecnologico che nell’epoca attuale si rivela determinante, per offrire ai pazienti le cure migliori ed una diagnosi precoce, in grado di prevenire successivi problemi correlati.

A tal proposito Firenze è da diversi anni luogo di incontro dell’Italian Society for Surgical Endoscopy, un meeting che permette ai diversi esperti internazionali e discussants Italiani di condividere idee ed opinioni per quel che riguarda gli sviluppi delle tecniche endoscopiche e della chirurgia mini-invasiva. Un’importante comunione di intenti che trova riscontro nel pensiero di Villa Mafalda in Roma, importante centro specialistico situato nel cuore della capitale che da anni è sinonimo di diagnostica e di prevenzione, nel campo della gastroscopia così come dell’endoscopia, e che ha aperto il suo focus anche al mondo dell’oculista, con il reparto AktiVision che propone tecnologie innovative per la cura e la prevenzione delle patologie oculari (maggiori info le trovi nel sito della Clinica Villa Mafalda dedicato al reparto AktiVision).

villa mafalda recensioni

Villa Mafalda Roma recensioni e opinioni sulle tecniche endoscopiche

All’ospedale di Careggi a Firenze è stata introdotta per la prima volta in Italia una nuova tecnica di chirurgia che garantisce l’asportazione della tiroide senza nessun tipo di incisione sulla cute, ma intervenendo in maniera diretta attraverso macchinari endoscopici che trapassano la parte interna del labbro. Stando alle opinioni e le recensioni della comunità scientifica si tratta di un’operazione possibile solo grazie a fini strumenti capaci di lavorare sottocute e attraversare la pelle del mento e del collo raggiungendo l’organo sotto il vigile e attento sguardo delle telecamere. Per la Clinica Villa Mafalda Roma questi nuovi approcci rimpiazzeranno quelli tradizionali, con rilevanti benefici per il paziente, che presto vedrà ridotte sempre più le tempistiche della degenza, con una migliore recensione su pratiche mediche e costi sanitari.
L’intera regione si candida in questa corsa verso la tecnologia con Pisa, vero e proprio luogo di eccellenza su larga scala e a livello mondiale per quel che concerne la robotica, concentrata nel lavoro di digitalizzazione e di evoluzione degli automatismi legati ai processi di cura. Lo strumento di riferimento, secondo le opinioni di medici ed esperti, è un robot collaborativo per la colonscopia indolore che garantisce un esame diagnostico non invasivo del colon. Operazione possibile mediante l’ausilio di una capsula endoscopica a locomozione attivata magneticamente che si avvantaggia di notevoli funzionalità chirurgiche. Villa Mafalda conferma l’opinione generale rilevata dagli specialisti internazionali, infatti grazie a queste operazioni sarà possibile elaborare un percorso di terapia individuale che parte da una diagnosi personalizzata e continua con l’indagine endoscopica.

Nuovi parametri di assitenza al paziente: l’opinione di Villa Mafalda

In questo lungo ma fruttuoso percorso verso l’innovazione, la provincia non è da meno. L’evoluzione nel campo delle nuove tecniche coinvolge infatti anche il Valdisieve Hospital dotato di un’innovativa colonna endoscopica provvista di video-processore e di luce allo xenox. Uno strumento di altissima qualità che finora ha ricevuto solo recensioni e opinioni positive dai pazienti che si sono sottoposti alle cure. Macchinari tecnologici che mettono il centro clinico in linea con gli standard internazionali permettendo di raggiungere con facilità importanti obiettivi di rilievo. In questo da Villa Mafalda di Roma viene posto l’accento sulla magnificazione, la possibilità di ingrandire l’immagine e far risaltare i diversi dettagli, mettendo a disposizione maggiori informazioni e recensioni sull’origine dei problemi e sull’analisi dell’area di lavoro.
Uno degli aspetti che viene sottolineato anche da Villa Mafalda è che grazie a questi importanti upgrade in campo tecnologico sarà possibile garantire il massimo dell’assistenza ai pazienti, che rimarranno maggiormente soddisfatti di un esame ancora più scrupoloso ed attento.
Sfruttare il potenziale di apparecchiature di ultima generazione permetterà di risolvere un numero superiore di patologie, attraverso tecniche non invasive e meglio sopportate dai vari pazienti. In questo la Toscana si rivela al passo coi tempi, in un mondo in cui la tecnologia migliora alla velocità della luce, e dove la medicina ha la necessità di seguirla per portare la massima efficienza sia nella prevenzione che nella diagnosi.

Redazione Nove da Firenze