Rubrica — In cucina

Cibo di Strada: Streetfood lancia il sindacato del “cuoco di strada”

Dai primi mercati alla realizzazione di una associazione di categoria che riconosca il ruolo dei “cuochi di strada”


Era il 2008 quando un gruppo di appassionati, cuochi, operatori, giornalisti, residenti e operanti in Puglia, Lazio, Marche, Toscana, Emilia e Piemonte, si è riunito a un tavolo per dare vita a una associazione, riconosciuta poi dallo Stato Italiano, che tutelasse e promuovesse il cibo di strada italiano, quello vero e della tradizione. Nasceva così, nelle campagne di Arezzo, in Toscana, l’Associazione Nazionale Streetfood che con il 2018 festeggia la prima decade di attività, tra eventi, attività di promozione e di assistenza per gli attori della cucina per strada. «Ancora prima del 2008 era presto per parlare di cibo di strada e lo abbiamo fatto per primi, all’inizio con una ricerca di master per l’ateneo senese sul turismo Enogastronomico nel 2004 attraverso la quale posi le basi di un progetto iniziando da una mappatura e un sito di informazione www.streetfood.it che oggi vanta la massima indicizzazione in rete e una pagina Facebook “Streetfood Italia” che registra oltre 70 mila contatti, poi creando un’associazione che partiva proprio dalle necessità degli operatori che questo mestiere lo facevano ancora prima delle mode di oggi – spiega il fondatore e presidente dell’Associazione, Massimiliano Ricciarini – con pochi soci, ma già con l’idea di rivoluzionare un settore della cucina fino ad allora tenuto in bassa considerazione, ma che rappresentava una delle culture più veraci della tradizione italiana».

Il futuro del cibo di strada: un’associazione che riconosca il ruolo del “cuoco di strada”. Secondo le norme attuali, l’operatore del cibo di strada oggi è assoggettato come un “ambulante” con la licenza di somministrare prodotti alimentari. Streetfood lancia l’idea di dare finalmente credito al “cuoco di strada” riconoscendolo come una figura professionale a sé stante e tutelando questa professione così come quella dei cuochi. «Da anni stiamo lavorando su questo aspetto che purtroppo non è semplice – dice Massimiliano Ricciarini – ma stiamo prendendo accordi con le associazioni di categoria dei cuochi e contiamo di realizzare al più presto una sezione di “cuochi di strada” così da poter riconoscere e tutelare queste figure professionali, dando oltre tutto maggior credito al loro lavoro e più credibilità nei confronti dei consumatori che spesso si trovano di fronte a improvvisazioni».

Il decalogo del cibo di strada e la prima certificazione italiana

 «Abbiamo pensato come prima cosa di dare un marchio a chi il cibo di strada lo faceva seguendo dei principi di salubrità e di rispetto della tradizione – prosegue Ricciarini – da questo punto è partito il decalogo, una sorta di disciplinare di professione che avrebbe rilasciato a chi lo avesse seguito un marchio, la tendina che contraddistingue la nostra associazione». Il decalogo (vedi allegato) comprende punti salienti che devono essere rispettati dall’operatore di strada, a partire dalla tradizione, che deve essere rispettata insieme alla storia di un prodotto, poi dalla scelta di ingredienti tipici del territorio d’appartenenza preparati con attrezzi artigianali e originali. L’igiene naturalmente, oltre i limiti previsti dalla legge e naturalmente il rispetto e la promozione della propria storia d’origine.

I food truck

 Dal 2016 l’associazione ha deciso di inserire nel proprio organico anche i cosiddetti food truck distinguendo anche questi con la “tendina” e sotto il marchio “4Wheels” Si tratta di un modo di interpretare in chiave moderna il cibo di strada, pur non perdendone i valori essenziali che sono poi quelli raccolti dal decalogo del cibo di strada che l’associazione porta avanti e con il quale seleziona i propri par

Le principali attività dell’associazione

 Streetfood nasce con l'intento di fare sistema con i territori italiani ed esteri coinvolgendo nei propri progetti tanto gli enti che le istituzioni e le associazioni che ne condividano la "mission". In questi anni si è messa a disposizione per numerosi progetti di ricerca di tradizioni culturali enogastronomiche e artigianali italiane, ha contribuito a comunicare l'educazione alimentare attraverso seminari e iniziative riservate a grandi e piccoli. Il marchio Streetfood® rappresenta oggi un distintivo di qualità e genuinità sempre più riconoscibile e riconosciuto. Come detto è stato sviluppato anche il concetto di guida turistica enogastronomica. L’artigianato - Oltre a promuovere Cibi e Cucine di Strada L’Associazione non può dimenticare i “ferri del mestiere”, ovvero quegli utensili, testi in ferro o argilla o refrattari, fornelli e quant’altro che da sempre hanno dato forma e senso alla cultura e tradizione dello “Streetfood

Dieci anni di Streetfood

 Oggi, dopo dieci anni di attività, l’Associazione può vantare numeri importanti per il settore. A partire dagli eventi che in dieci anni hanno toccato oltre 100 città italiane, portando in degustazione centinaia di cibi di strada italiani e non solo, raggiungendo, si stima, circa 6 milioni di appassionati negli oltre 400 eventi messi in piedi. A questi eventi vanno aggiunti, oltre alla somministrazione di cibi “certificati”, anche attività culturali collaterali, come le visite guidate ai centri storici delle città che hanno ospitato i cosiddetti “Streetfood Village”, ma anche convegni, seminari e master di approfondimento. Oltre a questo sono decine le tesi di laurea alla quali l’associazione ha contribuito, centinaia i professionisti aiutati a entrare in questo settore partendo da zero.

Redazione Nove da Firenze