ChiantiBanca: nuova filiale a Firenze

A una settimana della separazione dal gruppo trentino di Cassa Centrale Banca


ChiantiBanca inaugura stamani sulla nuova sede di viale Europa 52 a Firenze, dove confluiranno i clienti della filiale di lungarno Ferrucci. Cinquecentocinquanta metri quadrati, due casse tradizionali e un’area self (interna) - dove poter usufruire di tutte le operazioni di cassa (prelievi, versamenti, bonifici, pagamenti, ricariche) a costo zero grazie alla tecnologia di ultima generazione -, quattro uffici tecnicamente definiti «dual» - saletta d’incontro col cliente e scrivanie nel retro -, punti di incontro «sartoriali» ovvero pensati e creati su misura a seconda delle esigenze della clientela, sette dipendenti, il tutto incastonato in un progetto ad ampio respiro che conferma come Firenze rappresenti un polo di fondamentale importanza nei piani strategici di ChiantiBanca, prima banca di credito cooperativo in Toscana e una delle prime cinque a livello italiano. Quella di viale Europa è la sesta sede di ChiantiBanca a Firenze (le altre in viale Belfiore, piazza Savonarola, via Gordigiani, viale Cialdini e via del Sansovino).

“La nuova filiale di viale Europa conferma l’attenzione che ChiantiBanca ha nei confronti del territorio fiorentino, e della città di Firenze in particolare - le parole del direttore generale Mauro Focardi Olmi - e siamo certi che l’efficienza dei nuovi servizi e l’accoglienza dei locali renderanno ancor più forte il legame con la clientela, attuale e futura”.

Soltanto 376 soci di ChiantiBanca domenica scorsa hanno espresso il loro sostegno al mantenimento dell’adesione al gruppo trentino di Cassa Centrale Banca. Un risultato che riafferma il valore della democrazia nel movimento del credito cooperativo, al termine di un’assemblea in cui tutte posizioni hanno potuto esprimersi nel dibattito. Si avvia così una fase decisiva per l’andamento della banca, che intende proseguire nell'azione di crescita e sviluppo sul territorio toscano. Una settimana fa le rassicurazioni del Presidente Iacopozzi hanno sottolineato il complessivo rafforzamento della banca, anche all’interno della capogruppo ICCREA, in ordine a presenza territoriale, tutela del personale e sviluppo futuro. Senza dimentica la trasparenza promessa dal vertice della Banca, in vista dell'assemblea straordinaria prevista per il maggio 2018 con all'ordine del giorno le modifiche statutarie portate in ratifica ai soci di Chiantibanca.

Redazione Nove da Firenze