Siena tutto facile, Cesena KO

Apre le danze Gonzalez, raddoppio di Calaiò. Un ottimo Siena merita i tre punti e vola a quota 9 in classifica.


SERIE A OTTAVA GIORNATA — Ha avuto ragione lui. Ancora una volta. Sannino, contro tutti i pronostici della vigilia, sceglie Gonzalez ed il campo gli da ragione. Così è se vi pare. Siena-Cesena 2-0 e tutti a casa. Nulla da dire sul risultato. Il Siena, con ordine e dinamismo, mette in archivio tre punti contro una diretta concorrente per la salvezza. Ora sotto con Novara e Chievo. Gli ospiti sentono forte la mancanza di Mutu: la sua fantasia e la sua classe sarebbero serviti come il pane.

Un minuto di silenzio per la tragica scomparsa di Simoncelli e poi spazio al calcio giocato. Il Siena fa subito vedere che ha voglia del bottino grosso. Il Cesena parte cauto ma gli equilibri si rompono immediatamente.
Al primo vero affondo, padroni di casa in vantaggio. Palla veloce verso Gonzalez che è freddo davanti ad Antonioli: tiro a mezza altezza che risulta imprendibile. E’ il minuto numero otto ed il Siena è già avanti. La risposta del Cesena è in un bel tiro di Candreva sul quale Brkic fa ottima guardia. Il match è vivace. Azione sulla sinistra dei toscani, palla lunga per Mannini: l’occasione è ghiotta, il tiro è alto. Al 33’ la più limpida occasione per gli ospiti: botta dal limite di Candreva, ancora lui, palla sul palo. Al 35’ acuto di Mannini che cerca il diagonale vincente: di poco al lato. Succede poco altro e con un minuto di recupero si chiude la prima frazione.

Il secondo tempo inizia con Malonga che prende il posto di Ghezzal ma il primo pericolo corre sull’asse Brienza-Gonzalez. Uno-due e tiro a volo di poco alto. Il gol è vicino. Errore difensivo del Cesena palla a Gonzalez che anticipa Antonioli e crossa al centro. Miracolo del portiere cesenate su una prima conclusione ma l’esperto portiere non può nulla su Calaiò che mette dentro la palla che vale il raddoppio. Succede poco altro.

Al triplice fischio del direttore di gara il pubblico acclama Sannino: le sue scelte oggi hanno premiato. Per il Cesena il grande desiderio di pensare già al domani. Con un nuovo allenatore? Si vedrà. In ogni caso, si deve invertire la rotta.

Giuseppe Saponaro

Siena (4-4-2)
Brkic, Vitiello, Del Grosso, Gazzi, D’Agostino (70’ Vergassola) , Rossettini, Terzi, Brienza, Mannini (79’ Contini), Calaiò, Gonzalez (46’ Angelo)

Cesena (4-3-1-2)
Antonioli, Ceccarelli, Von Bergen, Rodriguez, Lauro, Parolo, Guana (58’ Livaja) , Candreva, Ghezzal (46’ Malonga) , Eder, Bogdani (87’ Djokovic)
Reti: Gonzalez (Siena), Calaiò (Siena)
Ammoniti: Rossettini
Espulsi: /

Redazione Nove da Firenze