​Aeroporto di Firenze, parlano i tecnici: una firma per il Via

Nei giorni scorsi una manifestazione degli imprenditori toscani invitava a procedere in modo spedito verso il potenziamento dello scalo fiorentino


Sembra essere pronta la Valutazione per lo sviluppo dell'Amerigo Vespucci. Trapelano indiscrezioni circa la risposta positiva dei tecnici cui dovrà seguire la controfirma del Ministero. Tempi? Circa 10 giorni.
La Commissione avrebbe dunque esaminato gli aspetti tecnici ritenendo il progetto fattibile, dunque anche la condizione idrogeologica, la più dibattuta, della Piana di Castello, nel dettaglio il futuro del Fosso Reale che lascerà 'pista' alla nuova parallela convergente.
Quali saranno le prescrizioni? Su quali aspetti tornerà ad infiammarsi il dibattito che tiene sotto scacco l'infrastruttura toscana? Occorre attendere qualche giorno.

Il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi commenta a caldo: “Attendiamo, innanzitutto, di leggere il documento licenziato dalla Commissione di VIA. Qualora venissero, come pare, confermate le prescrizioni contenute nel vecchio testo, ad emergere sarebbero due dati fondamentali. Il primo è che ci troviamo di fronte ad un’opera altamente impattante; il secondo è che, di fatto, il tentativo di superare le prescrizioni ricorrendo alla nuova disciplina si è tradotto in una sconfitta per chi vuole a tutti i costi realizzare l’opera. Ancora una volta, quindi, i fatti rafforzerebbero la bontà della nostra posizione, frutto dell’analisi della realtà e non di prese di posizioni ideologiche. Una volta letto il testo valuteremo come agire in tutte le sedi istituzionali e politiche per ribadire la nostra contrarietà a quest’opera ed impedirne la realizzazione”.

Marco Carrai durante la presentazione del sondaggio commissionato da Confindustria e propedeutico alla manifestazione in giacca e cravatta tenutasi nelle scorse ore all'Aeroporto di Firenze si era detto ottimista "I lavori potrebbero avere inizio già nel 2018" aveva detto ai cronisti. 

La vicepresidente del Senato Rosa Maria Di Giorgi commenta la notizia: "Abbiamo sempre pensato che lo sviluppo dell'aeroporto Vespucci fosse un tassello di fondamentale importanza per l'economia fiorentina. Accogliamo dunque con favore la notizia del via libera alla Valutazione di Impatto ambientale, nella convinzione che, superate le criticità, il procedere spedito dei lavori possa consegnare alla città, e all'intera area metropolitana, una infrastruttura adeguata alle nuove esigenze di una città contemporanea come è ,e sempre più vuole essere, Firenze. E' arrivato il momento che tutte le amministrazioni lavorino insieme per raggiungere l'obiettivo prefissato, in tempi rapidi, nel rispetto dell'ambiente e dell'integrazione con lo scalo Galilei di Pisa, all'interno del sistema aeroportuale Toscano. Siamo certi che la nuova pista ed il nuovo assetto dell'area aeroportuale rappresenteranno anche un volano per ila risistemazione urbanistica di quel quadrante della Piana Fiorentina, a benefico anche dei tanti cittadini che oggi sono costretti o a convivere con il decollo e l'atterraggio dei veivoli" conclude Di Giorgi sottolineando come "la recente indagine dell'Unesco ha confermato che nessuna interferenza vi sarà invece sul centro storico, che anzi potrà godere del beneficio di un aeroporto moderno al servizio anche dei flussi turistici internazionali".

 “Apprendiamo con grande soddisfazione il via libera della Commissione tecnica del Ministero dell'Ambiente sul progetto inerente allo sviluppo dell'aeroporto di Peretola. Ci auguriamo quindi che non si verifichino ulteriori ritardi per un'opera che riteniamo imprescindibile per lo sviluppo dell'intero territorio metropolitano. Dopo tanti, troppi anni di interruzioni, è arrivato il momento di mettere da parte ogni discussione e procedere spediti verso l'ampliamento della pista che non potrà che arrecare benefici per tutti.” dichiara Alessandro Vittorio Sorani, presidente di Confartigianato Imprese Firenze.

Redazione Nove da Firenze