Trasporto locale in emergenza: gara congelata in Toscana

Tra i ricorsi dei contendenti e la sentenza del Consiglio di Stato con rinvio alla Corte di Giustizia europea, ecco nuovi fondi per arrivare a fine anno


Un contributo straordinario di quasi 3,65 milioni di euro, da parte della Regione per integrare le risorse già assegnate alle Province e ai Comuni per il trasporto pubblico locale al fine di dare risposte concrete ad alcune esigenze verificate per il mantenimento del servizio fino a fine anno, in attesa dell'esito definitivo della gara a lotto unico regionale, 'congelata' dai ricorsi presentati dai contendenti e dalla recente sentenza del Consiglio di Stato che ha rimandato la questione alla Corte di Giustizia europea.

A deciderlo è stata la Giunta regionale, che ha approvato una delibera - proposta dall'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - con cui integra gli oltre 210 milioni di risorse già stanziate e in parte trasferite alle Province e ai Comuni per il 2017.

"La situazione di incertezza generata dai ricorsi sugli esiti della gara regionale per l'individuazione del futuro gestione del servizio di trasporto pubblico su gomma - spiega Ceccarelli - non consente agli utenti del trasporto pubblico di godere da subito della qualificazione del servizio che sarebbe conseguente alla firma del nuovo contratto di servizio. Con questo provvedimento, conseguente ad una attenta ricognizione compiuta dai competenti uffici regionali, cerchiamo però di dare risposta alle esigenze degli utenti, mettendo gli enti locali nella condizione di mantenere il servizio offerto e di far fronte alle urgenze che si sono manifestate".

Redazione Nove da Firenze