Rubrica — Mostre

Museo Marino Marini: Regione in campo per tenerlo a Pistoia

In giudizio al Tar a sostegno del decreto del Mibact


La Regione Toscana interviene nel giudizio per opporsi al ricorso presentato al Tar dalla Fondazione Marino Marini contro il decreto del Mibact che dichiara un vincolo di “pertinenzialità” della collezione della fondazione al Palazzo del Tau, attuale sede del museo, dichiarando peraltro la stessa collezione di eccezionale interesse storico artistico. L'atto è stato notificato alle parti e depositato al Tar e arriva in contemporanea all'approvazione da parte della giunta regionale del protocollo d’intesa tra Regione e Comune di Pistoia, che prevede un percorso concertato tra le due istituzioni per far sì che il Museo Marino Marini acquisisca tutti i requisiti necessari per diventare museo di rilevanza regionale.

Questo per permettere a Pistoia, città natale dell'artista e da sempre sede della Fondazione Marino Marini, di poter continuare a dare il proprio decisivo contributo per assicurare la conservazione, la tutela e la valorizzazione dell'opera e del patrimonio artistico del maestro.

“Con questo atto - ha detto la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni – la Regione conferma la scelta compiuta fin dal primo momento di questa vicenda: il nostro impegno è stato infatti quello di operare per mantenere questo patrimonio di arte e cultura nella sua sede naturale, la città di Pistoia, perché, non mi stancherò mai di dirlo, non è per niente saggio recidere il legame che esiste tra gli artisti e i territori. Adesso c’è ancora tanto da fare, ma il cammino lo abbiamo indicato approvando il protocollo che firmeremo con l’Amministrazione comunale”.

"Nell'attesa che la vita torni alla sua normalità – ha dichiarato l'assessore Federica Fratoni - non possiamo perdere di vista questioni fondamentali per il territorio pistoiese come il museo dedicato al suo ambasciatore più famoso, Marino Marini. Proprio in un momento così difficile, nel quale la comunità si ritrova unita sui suoi valori fondanti, valorizzare l'esperienza del sito espositivo di Pistoia equivale a restituire alla città un messaggio di speranza per il futuro. Voglio ringraziare la vicepresidente Barni per l'impegno instancabile profuso".

Redazione Nove da Firenze