Imprese: incentivi e opportunità gratuite di finanziamento

Finanziamenti all’Impresa e l’importanza della Formazione


Finanziamenti all’Impresa e l’importanza della Formazione: questi sono stati i temi al centro del convegno dal titolo "Impresa & Sviluppo Economico Italiano" Incentivi e Opportunità gratuite di finanziamento che si è tenuto ieri nell’eccezionale location di Villa Finaly a Firenze, organizzato dall’agenzia toscana di formazione professionale As Consulting insieme alla neonata start-up G&Bpartners di Valentina Giannelli e Valentino Buti, rispettivamente di 26 e 30 anni che hanno scommesso sul loro futuro e su quello dei loro coetanei con un’azienda che vuole attestarsi quale punto di riferimento per quanti vorranno avviare un’impresa avvalendosi di spazi coworking.

Fuori programma l’intervento telefonico dell’ex Premier Silvio Berlusconi introdotto da Sileno Candelaresi (presidente Gran Premio Internazionale del Leone D’Oro per la Pace di Venezia).

“Un saluto di cuore a chi crede fortemente nell'impresa soprattutto in questo Paese che ha delle sofferenze antiche: credo sia l’unico della cosiddetta fascia evoluta che crea difficoltà alle imprese e agli imprenditori con una tassazione unica al mondo. Bisogna assolutamente lavorare in tal senso: agevolare le imprese non con le chiacchiere ma con i fatti, soprattutto al Sud”.Berlusconi ha voluto così fare i suoi auguri alla coppia di sturtupper: “Non dirò In bocca al Lupo perché come sapete benissimo sono un amante degli animali. Mi raccomando ragazzi: credeteci! Queste sono storie che ricordano me quando ero ragazzo. Ora tocca a voi!”.

I relatori, tutti rappresentanti delle Istituzioni deputate al finanziamento e alla formazione delle piccole e medie imprese, hanno fatto il punto sullo stato dell’arte dell’imprenditoria italiana indicando anche le opportunità da cogliere nel breve e lungo periodo.

Giovanni Nicola Pes, vice segretario generale per l’Ente Nazionale per il Microcredito ha illustrato le possibilità fornite da un ente, nato come strumento di lotta alla povertà e a sostegno delle economie in via di sviluppo ma che oggi in Italia sostiene una vasta pluralità di aziende che costituiscono il tessuto produttivo del Paese: dal turismo al settore energetico, dal terziario fino all’artigianato. “La nostra forza- spiega Giovanni Nicola Pes- sta nel binomio finanziamento-monitoraggio: assistiamo le imprese immediatamente in tutti i passaggi, offriamo strumenti di tutoraggio efficaci ed è questa la principale ragione per cui rispetto a un tradizionale prestito bancario, pur non chiedendo garanzie, il nostro tasso di insolvenza è dello zero virgola”.

Opportunità di finanziamento alle piccole e medie imprese arrivano anche dalla Regione Toscana che grazie ai fondi strutturali dell’Unione Europea da quest’anno ha attivato bandi a misura di piccole imprese 4.0 e di giovani imprenditori. A illustrarli Simonetta Baldi, dirigente responsabile delSettore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese a Palazzo Panciatichi.

Quattro nuove misure regionali che comprendono prestiti a tasso zero sia per aziende già esistenti che per quelle ancora in embrione; infine finanziamenti a fondo perduto per supportare l’internazionalizzazione delle PMI. Una particolare attenzione merita il Bando a sostegno dell’Imprenditoria giovanile, femminile e destinatari di ammortizzatori sociali che si colloca all’interno del progetto GiovaniSi attivo dal 1 marzo 2017 e che al 30 giugno registrava già 400 domande. Con una media di 100 domande al mese ha superato di gran lunga le statistiche dei bandi erogati in precedenza.

(Per maggiori info: (https://www.toscanamuove.it/; www.sviluppo.toscana.it).

Sull’importanza dell’internazionalizzazione ha insistito anche Roberto Nardella, Membro delConsiglio d’Amministrazione di Fonditalia, fondo nazionali interprofessionale per la formazione continua alle aziende pubbliche e private. “Internazionalizzare significa aprire i mercati, non de-localizzare come troppo spesso fanno le grandi aziende danneggiando l’indotto e cioè le piccole imprese che sono la maggioranza in questo Paese. Non è la produzione che deve essere portata all’estero ma il prodotto e per far questo ci vuole scambio culturale, quindi formazione. Per questo i Fondi interprofessionali sono centrali e il nostro auspicio è che i governi non ci taglino le risorse come è già accaduto”.

L’evento è stata anche l’occasione per presentare la nuovissima piattaforma E-Learning di cui si avvale As Consulting. Si tratta di uno strumento utilissimo per aziende e dipendenti che può essere utilizzato in aula ma anche da remoto e che consente non solo di scegliere il proprio percorso formativo su misura ma anche di “testarlo” come fosse un game business. In pratica un simulatore di realtà che reagisce in modo diverso a seconda delle azioni svolte dall’utente.

A chiudere l’incontro Anna Sacristano amministratrice unica di As Consulting e partner dell’evento che ha voluto porre l’attenzione sugli strumenti e le opportunità a disposizione delle aziende, spesso non colte perché ancora poco conosciute. “Quante volte mi sarà capitato nella mia carriera di andare in azienda e di dover ribadire più volte che aderire a un fondo di formazione è gratuito e che vale anche per le aziende con 1 solo dipendente? Basta rivolgersi al proprio consulente del lavoro e avviare la procedura. Attenzione poi ai corsi obbligatori come la Sicurezza e Primo Soccorso, non vanno in alcun modo sottovalutati sia per evitare sanzioni, ma soprattutto perché dati alla mano, salvano davvero vite umane”. 

Redazione Nove da Firenze