Sicurezza stadale: premio letterario intitolato ad Elisabetta e Mariachiara Casini, vittime della strada


Un premio letterario intitolato a Mariachiara ed Elisabetta Casini, le due sorelle tragicamente scomparse in un incidente stradale nel novembre 2004. E' questa l'iniziativa ideata dalla madre delle due ragazze, Doretta Boretti, con il patrocinio del Comune di Firenze e della Società della Salute, e che è stata presentata oggi a Palazzo Vecchio. Erano presenti l'assessore alla sicurezza e vivibilità urbana Graziano Cioni, la presidente della commissione consiliare politiche sociali e della salute Susanna Agostini, Doretta Boretti, Giancarlo Piggici della casa editrice Pegaso e Sergio Cianti dell'Associazione Europea Familiari e Vittime della strada.
"Iniziative come questa sono molto importanti perché agire sulle coscienze, far capire alle persone il dramma che si nasconde dietro un incidente stradale, è un tassello fondamentale - commenta l'assessore Cioni - insieme alla repressione, alla prevenzione e all'educazione. E diventa ancor più importante perché cerca di coinvolgere i giovani, una fascia di popolazione purtroppo molto colpita dagli incidenti". L'assessore Cioni ha ricordato che i sinistri stradali sono la prima causa di morte tra i giovani e che, nonostante la tendenza alla riduzione del numero degli incidenti registrata negli ultimi anni, le statistiche sono comunque drammatiche. "Siamo di fronte a numeri da guerra: oltre 5mila feriti all'anno e un morto ogni 15 giorni solo nel territorio del Comune di Firenze. Quest'anno gli incidenti sono già stati oltre 1.400 con oltre 800 feriti e 4 morti. E' una battaglia che come Amministrazione combattiamo con tutte le armi possibili, compresa quella culturale, per sensibilizzare e responsabilizzare le persone al tema della sicurezza stradale". Nell'occasione l'assessore Cioni ha annunciato che il 23 aprile si svolgerà una seduta del consiglio comunale dedicata proprio alla sicurezza stradale.
"E' importante coinvolgere alla scrittura e alla riflessione tanti giovani sul tema dell'imprevedibilità degli incidenti stradali - ha aggiunto la presidente Agostini -, una sorta di prevenzione culturale che sicuramente troverà l'attenzione dovuta da parte di coloro che difficilmente riusciamo a coinvolgere nelle iniziative istituzionali".
"Questo premio letterario nazionale intitolato a Elisabetta e Mariachiara nasce dal dramma di tante famiglie che vivono la straziante tragedia della perdita della vita di un figlio o di un caro in un incidente stradale - ha spiegato Doretta Boretti -. Insieme al mio editore, Giancarlo Piggici, ho voluto dare vita a questa importante iniziativa letteraria perché sono convinta che solo attraverso un impegno serio e consapevole nell'ambito educativo sarà possibile sensibilizzare le persone in modo tale che non ci siano più morti sulle strade. Scrivere può portare amore, conforto, speranza ma anche può essere anche un monito per far capire quanto l'impegno personale e civile di uno scrittore possa vincere le ritrosie e le reticenze di tante coscienze". Per quanto riguarda il regolamento, il premio, che prende il via il 15 aprile, si articola in quattro sezioni adulti e cinque sezioni giovani (dai 18 ai 22 anni compiuti). Tutte le sezioni avranno come tema "Scrivere per riportare la vita sulle nostre strade" e sono: poesie inedita, lettera inedita, racconto inedito, fiaba o novella inedita e, solo per i giovani, anche articolo giornalistico. Ogni elaborato dovrà essere inedito, dattiloscritto in duplice copia di cui una soltanto dovrà riportare nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico e, solo per la sezione dedicata ai giovani, data di nascita e scuola frequentata. Tutti i concorrenti potranno partecipare a più sezioni ma il punteggio non sarà cumulabile. Il plico inviato dovrà contenere gli elaborati suddivisi in un numero di inserti pari al numero delle sezioni a cui si intende partecipare. Ogni inserto sull'esterno dovrà riportare la lettera della sezione prescelta. Il plico dovrà contenere anche una busta da lettere nella quale il candidato dovrà inserire una breve nota biografica, la scheda di adesione compilata in ogni sua parte, copia dell'avvenuto pagamento della quota di iscrizione al premio che ammonta a 20 euro per ogni sezione adulti e 10 euro per ogni sezione giovani, da versare sul c/c postale 12567541 intestato a Pegaso snc, quale minimo contributo per spese di organizzazione e segreteria. Il plico dovrà essere inviato per posta prioritaria all'indirizzo di "Premio letterario nazionale Elisabetta e Mariachiara Casini" presso c/c Casa Editrice Pegaso, via Colletta 28/r, 50136 Firenze, entro e non oltre il 15 giugno 2007 (farà fede il timbro postale).
I dieci finalisti di ogni sezione saranno avvisati con lettera un mese prima della premiazione, in programma per il 17 novembre 2007 nel Salone de' Dugento. Nell'occasione saranno consegnati anche tre premi alla carriera a giornalisti o personalità che si sono distinte per l'impegno dimostrato nei confronti del dramma legato agli incidenti stradali.
(mr)

Redazione Nove da Firenze