Salvatore Leggiero: a Firenze è accusato di bancarotta fraudolenta

Intanto l'immobiliarista campano si è trasferito a Dubai

Nicola
Nicola Novelli
10 agosto 2021 20:11
Salvatore Leggiero: a Firenze è accusato di bancarotta fraudolenta

Rinviato a giudizio anche dal Tribunale di Firenze, Salvatore Leggiero, il chiacchierato imprenditore napoletano che per anni ha fatto parlare di se sulle cronache fiorentine. Nelle settimane scorse il pubblico ministero Giuseppe Ledda ne ha chiesto il rinvio a giudizio, contestandogli il reato di bancarotta fraudolenta della Apartament Rental Srl, dichiarata fallita nel 2018. L'accusa per reati connessi è rivolta anche ad altre quattro persone che ricoprivano incarichi amministrativi nella società con sede a Firenze.

Dalla insolvenza della società di Leggiero hanno patito conseguenze diverse imprese fiorentine e pratesi operanti nel settore, che non hanno potuto riscuotere i crediti vantati.

Intanto l'immobiliarista campano si è trasferito a Dubai per rilanciare i suoi affari e non rimanere invischiato nei procedimenti giudiziari di cui è oggetto dallo scorso anno.

Approfondimenti

Nato a Napoli il 21 giugno 1965, aveva sviluppato il proprio business in campo immobiliare, operando spesso proprio a Firenze, dove aveva stabilito il suo quartier generale in un elegante palazzo di via dei Serragli.

Da almeno 15 anni comprava e ristrutturava appartamenti nel centro storico, soprattutto in quegli immobili affetti da qualche problematica amministrativa e su cui altri imprenditori non erano riusciti ad appoggiare nemmeno un mattone.

Ma è proprio il gusto per gli affari spericolati che lo ha fatto finire nei guai. L'immobiliarista alla fine del 2020 è stato condannato a una pena di due anni e tre mesi di reclusione per reati contestati in ambito di finanza immobiliare, dopo essere stato arrestato nel mese di ottobre.

Notizie correlate
In evidenza