Unuci: un ciclo di incontri sulla storia militare

Le principali missioni militari italiane all’estero fra ‘800 e ’900. L'iniziativa presso il Circolo Unificato dell'Esercito Italiano di Firenze


Un ciclo di incontri per approfondire e comprendere. Eventi utili a ricercare, nella storia, il messaggio etico e umano di uomini che l’hanno fatta. E’ questo l’obiettivo del 20° ciclo di incontri curati dall’Unuci (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia).

Ospitati presso il circolo unificato dell’Esercito Italiano a Firenze, gli incontri sono incentrati sul tema: “Le principali missioni militari italiane all’estero fra ‘800 e’900” e si svolgono nell’ambito di un programma consolidato che prevede la relazione di un esperto della materia e un dibattito successivo con il coinvolgimento del pubblico presente.

Il programma, per l’anno in corso, ha già visto protagonista il vice questore(in quiescenza) Michele Petrolo che si è soffermato su “La spedizione Sardo-Piemontese in Crimea”. Domani, spazio alla professoressa Gabriella Pasqualini che tratterà il tema della “Multinazional Specialized Unit in Iraq”. Mercoledì 19 ottobre l’analisi si sposterà sullo scenario balcanico: il Generale Agostino Pedone approfondirà l’argomento relativo alla missione di pace della Brigata Garibaldi in Bosnia Erzegovina.

Mercoledì 9 novembre, il Colonnello Antonino Zarcone presenterà “Le missioni di armistizio e di stabilizzazione dell’Esercito Italiano nel Primo Dopoguerra”. 

La settimana successiva sarà la volta dell’Ammiraglio Sanfelice di Monteforte che descriverà la Missione a Creta del 1896. Al contrammiraglio Pier Paolo Ramoino è affidata l’analisi dell’intervento italiano a Timor Est. Chiusura per il professor Ugo Barlozzetti che esporrà il suo studio sulle missioni militari del Regno d’Italia in Cina.

Moderatore di tutti gli incontri il Generale Calogero Cirneco presidente Unuci sezione Toscana.

Per maggiori informazioni www.firenze.unuci.org/home.php

Nella foto un momento dell’incontro ospitato presso il Circolo Unificato di Presidio dell’Esercito Italiano a Firenze

Redazione Nove da Firenze