Turismo: a maggio l'Accelerathon anche per Firenze

Flussi positivi nei ponti primaverili grazie al Last Minute e agli stranieri. Incentivare un turismo più slow, la proposta di Confesercenti Toscana. Gara fra startup, giovani e imprese. Concia: “Cerchiamo le migliori soluzioni per favorire l'innovazione”. Firenze tra le migliori destinazioni al mondo per gli amanti dei tour gastronomici


“Vogliamo trovare le migliori soluzioni e le migliori idee in grado di favorire l'innovazione del turismo in Italia, e per questo invito tutte le startup, i giovani e le imprese fiorentine a mettersi in gioco e a partecipare al grande Accelerathon che si svolgerà a Napoli il 17 e 18 maggio prossimi”. Con queste parole l’assessora al turismo del Comune di Firenze Anna Paola Concia invita tutti gli innovatori iscriversi (l’iscrizione scade il 7 maggio) e a partecipare alla sfida. Smart City, Mobilità e Accoglienza sono i temi sui quali viene chiesto agli innovatori di lavorare per elaborare proposte in grado di creare valore in una prospettiva di business. L’iniziativa è prevista dal Piano Strategico del Turismo 2017 - 2022 e fa parte delle azioni condivise dalle cinque maggiori città del turismo del nostro Paese (Firenze, Milano, Venezia, Roma e Napoli), che hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione e coordinamento delle governance e che lo scorso marzo al primo Town Meeting organizzato a Firenze che è stato un grande evento di brainstorming tra esperti del settore turistico organizzato da FactorYmpresa Turismo, il programma del Ministero dei beni e delle attività culturali e il turismo MiBACT che, con il supporto di INVITALIA, seleziona, mette a confronto, premia e accompagna le migliori idee d'impresa in grado di favorire l'innovazione del turismo in Italia.

Il settore turistico ha registrato numeri significativi e tendenzialmente positivi, nella nostra Regione, per i primi Ponti di Primavera. Dai dati dell’analisi della disponibilità di camere sui vari portali delle principali OTA emerge un discreto recupero, rispetto alle previsioni, delle prenotazioni per il 25 aprile grazie alle migliorate condizioni meteorologiche. Questi i dati che emergono dall’analisi del monitoraggio del CST (Centro Studi Turistici) sulla saturazione dell’Offerta Ricettiva Regionale disponibile Online. La tendenza positiva della domanda turistica per il ponte del 1 maggio è attesa in molte aree della nostra regione, con valori percentuali più alti nelle città d’arte e nelle località balneari. Dall’indagine emerge un consolidarsi dell’appeal delle città d’arte regionali (87% il tasso di occupazione), piccole e grandi, ma anche delle principali località balneari (79% tasso di occupazione). Rispetto alla stessa rilevazione del 2017, a livello regionale, si registrano valori più alti di circa 3 punti percentuali; nel 2018, per i primi ponti di primavera, il tasso di occupazione in Toscana si attesta intorno all’82%.

Il ponte del 25 aprile, appena passato, ha fatto registrare un buon movimento di clientela straniera e dati complessivamente positivi anche a Cortona. In base al monitoraggio del CST la saturazione dell’Offerta Ricettiva Comunale Disponibile Online per il ponte del 25 aprile (dal 23 al 25 aprile 2018 – 2 notti) si è attestata a circa l’82%. Il recupero maggiore per Cortona si è avvertito nel periodo di rilevazione fra il 13 ed il 20 aprile. La rilevazione è stata effettuata sui principali portali di intermediazione turistica (Booking, Expedia, Trivago, Airbnb) e Strutture ricettive (alberghi – affittacamere – b&b – ostelli appartamenti, agriturismi). Anche per il prossimo ponte del 1° maggio è previsto un trend positivo con l’Offerta Ricettiva Comunale disponibile Online che ad oggi si attesta ad a circa l’83% (dal 28 aprile al 1 maggio 2018 – 3 notti) ma è destinata crescere nei prossimi giorni.

In un momento nel quale i dati turistici continuano a crescere ed a rappresentare una quota sempre più importante nel Pil regionale e nazionale, riteniamo sia il momento di soffermarci a riflettere sulle destinazioni turistiche, sugli impatti positivi e quelli negativi creati dall’attuale situazione – a partire da un consumo intensivo delle nostre città - e di provare ad individuare azioni che incentivino una domanda di turismo più sofisticata e innovativa, più slow e coinvolgente. Questo non vuol dire dimenticare il turismo dei tour intensivi dei turisti in pullman per Firenze o Pisa, ma ambire come Toscana nel suo complesso ad essere una esperienza viva sempre in movimento e con mille frecce al proprio arco da offrire nella promozione turistica”. Così Nico Gronchi, presidente Confesercenti Toscana, intervenendo ad un seminario organizzato da Confesercenti Toscana, alla presenza dell’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Stefano Ciuoffo e del Presidente II Commissione Sviluppo Economico Gianni Anselmi, sui tre provvedimenti che innoveranno la legislazione regionale in materia di turismo: le modifiche al testo unico delle leggi regionali sul turismo (L.R.86/2016), il relativo regolamento di attuazione, la proposta di legge regionale per la definizione degli ambiti regionali turistici e per l’esercizio in forma associata da parte dei comuni delle funzioni di informazione ed accoglienza turistica. “L’andamento tendenzialmente positivo registrato per il 25 aprile è stato dettato, soprattutto, dalle prenotazioni last minute verso località balneari ma anche collinari e termali. – afferma Nico GronchiCon i primi Ponti di Primavera, si evidenzia la tendenza dei turisti ad affidarsi sempre più spesso alle offerte dell’ultimo minuto; basandosi nella scelta della destinazione sulle condizioni meteorologiche.” “Anche per il Ponte del 1 maggio, si conferma la tendenza a scegliere le città d’arte come meta turistica; e non sono esclusivamente le città più grandi a registrare numeri elevati. A Firenze, Siena, Lucca, Pisa, Arezzo, San Gimignano, Montepulciano e Pienza si rileva un tasso di occupazione delle camere fra l’85 ed il 94%%. – conclude il Presidente Confesercenti ToscanaAncora una volta i numeri positivi sono supportati da un incremento della domanda straniera; è, quindi, necessario lavorare sul tema della promozione ed incentivo della destinazione Toscana tra i turisti nazionali, attraverso politiche attive e concrete.

Le esperienze gastronomiche sono prime, rispetto alle altre categorie di esperienze, per crescita di prenotazioni da parte dei viaggiatori su TripAdvisor, il sito per la pianificazione e la prenotazione dei viaggi. È quanto emerge da uno studio di TripAdvisor che ha evidenziato che i tour gastronomici sono la categoria di esperienze con la crescita più rapida sul sito in base all’incremento della spesa da parte dei viaggiatori per questo tipo di esperienze, che è salita del 61% nello scorso anno rispetto al 2016. TripAdvisor ha inoltre identificato la Top 10 delle destinazioni mondiali per gli amanti del cibo sulla base delle prenotazioni di tour gastronomici nel 2017 che vede Roma e Firenze dominare la classifica rispettivamente in prima e seconda posizione e Venezia conquistare la settima posizione. “I viaggiatori sono sempre più interessati a vivere esperienze autentiche nelle destinazioni che visitano e i tour gastronomici così come le lezioni di cucina sono un modo perfetto per riuscirci” ha commentato Valentina Quattro, portavoce di TripAdvisor in Italia. “Questa non può che essere un’ottima notizia per l’Italia che con la sua tradizione culinaria è la meta ideale per i viaggiatori buongustai! E infatti la Top 10 mondiale delle città più apprezzate non solo è capitanata da Roma e Firenze ma vede anche il Bel Paese come l’unica nazione con ben 3 città in classifica”.

Redazione Nove da Firenze