Trasporto locale: nuovo sciopero per i bus a Firenze

Due vertenze, con Palazzo Vecchio e con Ataf per un futuro apparentemente incerto


Hanno avuto esito negativo i tentativi di conciliazione e l'auspicato compromesso in attesa del piano post Tramvia. Gli autisti non mollano e preparano una mobilitazione per inizio dicembre. Il 3 dicembre dalle 17 alle 21.

"I lavoratori sono molto preoccupati, perché in questo momento ci sono due vertenze aperte, una con le Istituzioni per il futuro e una con l'azienda per i problemi quotidiani, tra i quali le condizioni di lavoro e la sicurezza a bordo promessa come imminente ma che ritarda sempre più. Per risolvere la situazione è fondamentale che tutti facciano la loro parte. Se il Comune metterà davvero 4 milioni di euro come sembra, il futuro dipenderà dal contratto ponte regionale. E in ogni caso l'Azienda ATAF non può fermarsi sempre di fronte all'incertezza del contratto ponte, ma deve portare avanti lo stesso le questioni interne nel rispetto non solo degli accordi e dei Lavoratori, ma anche nel rispetto del servizio ai cittadini che sta facendo!" cosi commenta Gianluca Mannucci  FIT-CISL e Vicecoordinatore RSU

Rincara la dose Massimo Milli per la Faisal Cisal che da anni propone correttivi mirati al miglioramento del servizio "Non possiamo prescindere dal tutelare gli autisti dalle ire degli utenti delusi dai continui disagi dovuti ai ritardi. Non investendo in un sistema migliore si è finito per colpire tutti sotto il punto di vista della regolarità del servizio e della sicurezza. La decisione di un nuovo sciopero e' sofferta ma ancora una volta necessaria affinché vengano presi provvedimenti utili oltre a promettere il mantenimento di uno status che non sembra accontentare nessuno". 
"A fronte dei 4 milioni di Euro trovati dall'Amministrazione Comunale a sostegno del mantenimento dei Km del TPL, auspichiamo una celere presa di posizione aziendale in merito a: Livelli occupazionali, Turn-over, Volume dei servizi" aggiunge il Vicesegretario FAISA-CISAL Firenze.

Redazione Nove da Firenze