Trasporto locale: autisti Ataf sotto Palazzo Vecchio

Niente sciopero dopo l'accordo sottoscritto con il Comune di Firenze, ma adesso gli addetti ai lavori si aspettano novità


Dopo la proclamazione dell'ennesimo sciopero, bocciato però dalla Commissione di garanzia e rientrato, gli addetti al servizio di trasporto della Città Metropolitana si sono accontentati delle promesse inserite in un accordo istituzionale siglato da Comune di Firenze ed Ataf.

Quali le promesse? "Nuove temporizzazioni per gli impianti semaforici a Santa Maria Novella, via Jacopo da Diacceto e via Orti Oricellari, massima protezione delle corsie preferenziali attraverso 30 porte telematiche e cordoli che arriveranno a settembre, estensione degli orari della ztl notturna nel centro storico, lotta serrata alla sosta irregolare dei veicoli che rallentano il servizio con la rimozione richiesta direttamente dal personale Ataf e provvedimenti eccezionali per Pitti in vista dell'apertura da giugno del nuovo sottopasso su viale Strozzi".

Come promesso il personale si è dato appuntamento ad un presidio sotto Palazzo Vecchio durante il Consiglio comunale del lunedì.
 "Il Sindaco Dario Nardella - spiega Massimo Milli delegato RSU - ha fatto la comunicazione in Consiglio Comunale alla presenza di una ristretta delegazione RSU ribadendo ancora una volta ciò che avevamo sottoscritto nel verbale di intesa la scorsa settimana. Adesso tocca all'Azienda Ataf fare la propria parte già nell'incontro di domani... non faremo più sconti a nessuno".

Redazione Nove da Firenze