​Trasporto a Firenze dopo la Tramvia: lunedì la verità

Lunedì incontro dei rappresentanti di Comune, Città Metropolitana e Regione con sindacati e azienda


Servono 4 milioni di Euro per garantire la stessa quantità di chilometri su gomma dopo che il ferro avrà preso posto lungo le nuove direttrici con capolinea a Santa Maria Novella e messo in servizio le nuove linee del tram. 

Come cambierà la mobilità è tutto ancora da vedere, i tecnici ci stanno studiando ed il piano di riorganizzazione verrà mostrato alla città prima di essere approvato.
  Palazzo Vecchio non comprende oggi la reazione degli autisti pronti ad un nuovo sciopero, ma le problematiche, se ce ne sono altre oltre quelle note ai fiorentini, verranno fuori nel prossimo incontro tra le parti.

La convocazione è per lunedì prossimo con sindacati, azienda, Città Metropolitana e  Regione Toscana.
L’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti interviene all’indomani dell’esito negativo della procedura di raffreddamento che si è svolta in prefettura tra sindacati dei lavoratori di Ataf Gestioni e l’azienda dove è stato confermato l’impegno preso dal sindaco Dario Nardella nella comunicazione in consiglio comunale, di mantenere integralmente i chilometri su gomma trovando nel bilancio comunale i circa 4 milioni di euro necessari. Con l'obiettivo di creare un servizio integrato ferro-gomma di alta qualità e di mantenere i livelli occupazionali del trasporto su gomma.

“Alla luce dell’esito della riunione di ieri, in accordo con il delegato della Città Metropolitana Massimiliano Pescini e l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli – sottolinea l’assessore Giorgetti –, abbiamo convocato i sindacati e l’azienda per lunedì mattina per scongiurare l’ipotesi dello sciopero. Si tratta di una presa di posizione che non capiamo, visto che anche ieri abbiamo confermato i nostri impegni per il mantenimento del milione e mezzo di chilometri. Una riduzione, preciso, che era nota da tempo e che è stata sollevata come criticità in primis dall’Amministrazione comunale”.

Obiettivo dell’incontro trovare la soluzione delle problematiche evidenziate per scongiurare uno sciopero destinato a creare disagi alla città e agli utenti del trasporto pubblico. 

Redazione Nove da Firenze