Terza Corsia A1: a Bagno a Ripoli espropri e occupazioni temporanee

Doppio ponte di Vallina: terreni soggetti a vincolo di esproprio e avvio procedimento Via


Sino al 14 marzo 2017 compresi è possibile consultare, all'Albo pretorio e sul sito del Comune di Bagno a Ripoli, i piani parcellari degli immobili e gli elenchi ditte delle rispettive ditte proprietarie, da espropriare od occupare temporaneamente o asservire per l’esecuzione dei lavori di ampliamento alla terza corsia Barberino di Mugello - Incisa Valdarno. Tratta: Firenze Sud - Incisa Valdarno Lotto 1 (SEDE AUTOSTRADA), eseguiti dalla AUTOSTRADE PER L’ITALIA S.p.A. in base alla disposizione amministrativa dell’Anas n. 68105 del 14/05/2012. Nel termine sopraindicato, le parti interessate potranno prendere visione dei documenti dei suddetti piano particellare ed elenco ditte ed eventualmente proporre le loro osservazioni in merito. I documenti possono essere consultati scaricando i file allegati a lato della pagina o presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico in questi orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8 alle 13, martedì e giovedì dalle 8 alle 12 e dalle 14.30 alle 18, sabato dalle 8.30 alle 12.30. Le osservazioni devono essere inviate a Autostrade per l'Italia Spa e, per conoscenza, al Comune di Bagno a Ripoli.

E' pubblicato all'albo pretorio anche l'elenco dei terreni soggetti a vincolo preordinato all'esproprio e avvio procedimento Via (Valutazione Impatto Ambientale). L'Anas ha avviato il procedimento per l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio sui terreni oggetto del progetto S.S. 67 “Tosco-Romagnola” - Variante all’abitato di Vallina con due nuovi ponti sull’Arno”. Fino al 9 marzo 2017 l'elenco degli espropri è in pubblicazione all'albo pretorio del Comune ed è consultabile alla pagina http://www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it/rete-civica/doppio-ponte-di-vallina, dove si trova il link per accedere al documento con l'elenco completo. Gli eventuali portatori di interessi pubblici o privati, individuali o collettivi, potranno far pervenire al Responsabile del Procedimento presso Anas - Direzione Progettazione e Realizzazione Lavori - via Monzambano, 10 – 00185 Roma le proprie osservazioni (idonee memorie scritte e documenti) a mezzo raccomandata A.R. o PEC all’indirizzo anas@postacert.stradeanas.it, indicando nell’oggetto “S.S. 67 “Tosco - Romagnola” Variante all’abitato di Vallina con due nuovi ponti sull’Arno e riclassificazione della S.P. 34 - OSSERVAZIONI PROCEDIMENTO VINCOLO PREORDINATO ALL’ESPROPRIO”. Inoltre, questo progetto è sottoposto alla Valutazione di Impatto Ambientale a cura di Regione Toscana. La documentazione è pubblicata sul sito web della Regione Toscana. Chiunque abbia interesse può presentare osservazioni e memorie scritte direttamente a Regione Toscana, Settore Via – Vas – Opere pubbliche di interesse strategico regionale: 

 per via telematica con il sistema gratuito web Apaci http://www.regione.toscana.it/apaci
 tramite posta elettronica certificata PEC: regionetoscana@postacert.toscana.it
 per posta all’indirizzo piazza dell’Unità Italiana 1, 50123 Firenze
 per fax allo 055 4384390

"Vogliamo che tutti i cittadini interessati dalle procedure di esproprio sappiano che hanno ancora del tempo a disposizione per presentare le osservazioni presso le opportune sedi – ha dichiarato il sindaco Francesco Casini –. Come Comune non abbiamo obblighi di legge per queste comunicazioni, ma siamo fortemente convinti che tutta la popolazione debba essere coinvolta e informata con materiali chiari e accessibili nel percorso di realizzazione delle grandi opere del nostro territorio. Nel contempo, ci mettiamo a disposizione dei cittadini coinvolti, che vogliamo incontrare nei prossimi giorni. Nel caso specifico, stiamo parlando di un'opera fondamentale per restituire vivibilità e qualità all'abitato di Vallina e per riorganizzare e migliorare la viabilità di tutta l'area del Sud Est fiorentino, Valdarno e Valdisieve. Con le procedure di esproprio si segna dunque un'altra tappa importante: il nostro auspicio è che si possa aprire il prima possibile la fase esecutiva dei lavori".

Redazione Nove da Firenze