Terremoto, la Toscana si mobilita a partire da Firenze

​Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi fa il punto degli interventi messi in atto


Secondo il settore sismico della Regione Toscana il terremoto ha avuto la stessa intensità di quello che colpì L'Aquila nel 2009. Qui http://goo.gl/HvZMwy e qui http://goo.gl/RZNnT6 le informazioni elaborate fino a questo momento sui dati raccolti dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Dalla Toscana sono pronti a partire 57 tecnici per iniziare il monitoraggio degli edifici danneggiati.

"La gara di solidarietà nata in queste ore dopo il terremoto ci fa essere orgogliosi di essere italiani" dichiara il primo cittadino di Firenze, Dario Nardella.

Il sindaco indica sui Social cosa è possibile fare in concreto da Firenze: 

"Mandare un sms solidale di 2euro alla Protezione Civile al 45500. Dare la propria disponibilità per portare beni come coperte, cibo e giocattoli, basta mettersi in contatto con questo numero 0557890 o scrivendo a questa email protezionecivile@comune.fi.it
Donare il sangue nelle nostre strutture sanitarie regionali e dare un contributo alla raccolta fondi attivata dal Comune di Firenze.

 Un grazie di cuore a nome di tutta la città alle nostre unità della Protezione Civile che sono partite in soccorso nelle zone terremotate. E grazie a chi farà anche solo una di queste cose, un piccolo gesto diventa fondamentale in momenti così".

Il governatore Enrico Rossi fa il punto degli aiuti dalla Toscana.
Alle 16.30 si è mosso il primo blocco della colonna mobile, il cosiddetto “nucleo di valutazione”, per fare il sopralluogo sull'area dove sarà allestito il campo di accoglienza. Ci sono tre mezzi e dieci operatori. Arrivo a Rieti intorno alle ore 20.30 e da lì verso il luogo assegnato. Un'ora più tardi, alle 17.30, abbiamo avuto il via libera anche per la colonna mobile composta da otto operatori, cento volontari e 29 mezzi. Con loro Federica Fratoni, assessore regionale all'ambiente e difesa del suolo. La testa della colonna, con 100 posti letto, arriverà alle 21.30. Tutti gli altri mezzi sono attesi entro la mezzanotte".

Alla colonna mobile della Protezione Civile della Toscana si è inoltre unita una componente sanitaria (ambulanze e fuori strada di Anpas Toscana,Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale Toscana - Attività di Emergenzae Federazione Misericordie della Toscana). Questi operatori hanno il compito di allestire un posto medico avanzato e un punto di primo soccorso.

"A nome della Regione Toscana un grazie di cuore a tutte le donne e gli uomini che in queste ore sono impegnati nei soccorsi - conclude Rossi - altri aggiornamenti li potete trovare qui: www.toscana-notizie.it"


Redazione Nove da Firenze