Rubrica — Spettacolo

Teatro di Cestello, l'Off Broadwy di Firenze è in San Frediano

Insegna legata alla tradizione fiorentina ma che ha saputo negli anni conquistare anche una sua ribalta nazionale


Nel cuore di San Frediano, il quartiere più cool del mondo, batte il cuore di un piccolo teatro di tendenza, che ha il sapore e le atmosfere delle mitiche sale Off Broadway, lo storico Teatro di Cestello.

Qui si incontrano le diverse generazioni e alle compagnie più giovani si affiancano volti noti e nomi di prestigio del palcoscenico italiano. La nuova stagione è un florilegio di eventi che rispondono all’amore crescente del pubblico che supplisce (purtroppo solo in piccola parte, economicamente parlando) alla colpevole assenza del sostegno istituzionale, a partire dal Comune di Firenze che sembra ignorare totalmente questa preziosa risorsa culturale.
Il cartellone s'inaugura venerdì 6 ottobre con il ritorno in scena di “Chi ha incastrato Mary Poppins” di Marco Predieri, che ad aprile vestirà i panni dell'eroe romantico di Edmond Rostand “Cyrano” mentre sarà autore di “Analisi Illogica”, commedia con protagonista niente meno che Giorgia Trasselli (28 - 29 aprile).

Presenze di pregio a novembre Enzo Casertano, con Fabio Avaro e Gabriella Silvestri, in “Unpercento punizione ad effetto”, a dicembre Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanzo in “Sugo finto” di Gianni Clementi, quindi la star internazionale Donatella Alamprese, che ha eletto ormai il Cestello come proprio palco di debutto dei nuovi recital, con “Anima mundi” e “Latitudine donna”, mentre Vania Rotondi e Marco Natalucci saranno i protagonisti della nuova commedia di Massimo Alì “Cous Cous” a febbraio.

Fuori abbonamento, sempre a febbraio, l’astro nascente di Comedy Central e “Quelli che il calcio” Edoardo Ferrario e a fine mese Marino Giuseppe Sanchi protagonista de “Il cielo in bianco e nero”. Tra le novità ampio spazio al musical off, o da salotto, con le stelle del teatro musicale italiano. A dicembre “Christmas in love” con Luca Giacomelli Ferrarini e Cristian Ruiz, che ritroveremo a febbraio nell’acclamato “Processo a Pinocchio”, quindi due successi internazionali provenienti da Broadway nelle loro edizioni ufficiali italiane: “Ti amo, sei perfetto ora cambia” e “Disincantate” entrambi nella seconda metà di gennaio. A marzo torna “That’s Amore” con Marco Cavallaro e Claudia Ferri.

Per quanto riguarda le produzioni stabili troviamo a ottobre un Augusto Novelli quasi inedito con la regia del direttore artistico Marcello Ancillotti “Una scossa ondulatoria”, per le festività il “Canto di Natale” di Dickens e a seguire il Feydeau “Sarto per signora” diretto da Marco Predieri.
Ancora a Marzo “Firenze 1815 -1965” di Loretta Bellesi Luzi e in chiusura la commedia di Alan Bond “Un tranquillo week-and di follia”.

Partita la campagna abbonamenti, da 66 a 110 euro per le diverse formule. Agli abbonati sarà consegnata anche la speciale tessera “Amici del Cestello”. Informazioni e stagione completa sul sito www.teatrocestello.it

Redazione Nove da Firenze