Tanti eventi in Toscana, aspettando la Befana

Tutti i programmi in piazza il 6 gennaio 2016: Re Magi, Presepi viventi, concerti e teatro nel giorno consacrato ai bambini


Firenze, 5 gennaio 2016- Si chiude con l’immancabile vecchietta sulla scopa lo scoppiettante Natale di piazza San Donato. Domani al centro commerciale tra via di Novoli e via Forlanini arriva la Befana. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Piazza San Donato in collaborazione con la Casa della cultura di via Forlanini. Alle 15,30 la simpatica vecchietta incontrerà i bambini al centro commerciale e poi alle 17,15 si trasferirà alla Casa della cultura, dove la festa proseguirà con animazione, musica e balli. Infine, calze per tutti i piccini.

Il Comitato Vivere all'Antella, con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, organizza Epifania 2016 – Antella in festa, che si svolgerà ad Antella (Bagno a Ripoli/Firenze), in Piazza Ubaldino Peruzzi, mercoledì 6 gennaio 2016, secondo il seguente programma: Ore 10-13 e 15.30-17 – Zucchero filato gratis per tutti i bambini; Ore 10.45 – Processione dei Re Magi, con veri doni per i poveri, organizzata dalla Parrocchia; Ore 12-13 - Arriva la Befana in piazza, con caramelle per tutti i bimbi;        Ore 17 – Concerto del coro 'Animae Voces', diretto dal Maestro Edoardo Materassi, insieme al “Coro di voci bianche Animae Voces, diretto dal Maestro Sara Mazzanti, con canti etnici da tutto il mondo eseguiti 'a cappella', nella Pieve di Santa Maria all'Antella.

A Fiesole si conclude la ricca programmazione natalizia con un 6 gennaio denso di avvenimenti dedicati soprattutto ai bambini. Si inizierà al mattino con un mercato speciale dislocato in piazza Mino con bancarelle in cui si potranno trovare manufatti artigianali di ogni tipo e prodotti tipici. Ad accogliere i più piccoli ci sarà la Befana. Alle 11:00 presso il Museo Bandini si terrà il laboratorio ‘Arrivano i Magi nel presepe’ per i bambini dai 6 ai 10 anni. Il costo dell’attività è di 5 euro. E' necessario prenotare allo 055/5961293 o via mail a infomusei@comune.fiesole.fi.it. L’evento principale però si svolgerà alle ore 16:00 in sala del Basolato, dove il Sindaco Anna Ravoni premierà le tre lettere più belle che i bambini dai 6 ai 13 anni hanno lasciato nella Cassetta Speciale della Posta di Natale in piazza Garibaldi per il Concorso ‘La più bella lettera di Natale’.

E' “Favole al telefono”, ispirato al capolavoro omonimo per ragazzi di Gianni Rodari, lo spettacolo musicale pensato per festeggiare l'Epifania mercoledi 6 gennaio, alle ore 18.15, al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante n.23). Prima, alle ore 17.30, la "Befana" passerà a salutare i bambini in teatro, distribuendo caramelle (evento in collaborazione con l'associazione Mamme amiche e la Fratellanza popolare di San Donnino). Classiche e sempre attuali, le Favole al telefono che Gianni Rodari (uno dei più straordinari scrittori del ‘900, scomparso 35 anni fa) immagina raccontate ogni sera da un padre pendolare alla sua bambina lontana, sono al centro della prima coproduzione tra Teatrodante Carlo MonniFondazione Scuola di Musica di Fiesole - Dipartimento di Musica Contemporanea, destinato al sostegno del nascente nucleo orchestrale di Sorgane e delle Piagge. Diversi linguaggi artistici accompagneranno il pubblico tra le righe delle favole più famose e dei protagonisti di Rodari: Alice Cascherina, Giovannino Perdigiorno, il Topo dei fumetti, per uno spettacolo ricco di divertimento e spunti di riflessione. La regia è di Andrea Bruno Savelli, anche autore dell’adattamento delle favole, mentre Cinzia Borsotti e Giacomo Bogani presteranno le voci al racconto; le musiche originali sono composte dai giovani autori fiesolani, e eseguite dal Fiesole Music EnsembleI brani, inediti, sono: “Alice cascherina” di Andrea Benedetti; “Il paese senza punta” di Elvira Muratore; “Il topo dei fumetti” di Matteo Zetti; “Il palazzo da rompere” di Giovanni Dario Manzini; “La guerra delle campane” di Roberto Prezioso e “Il paese con la S davanti” di Andrea Gerratana. A eseguirle dal vivo saranno Simone Paiano al flauto, Carlo Francisci al sax, Emanuele Caligiuri al violino, Giorgio Marino al violoncello, Michele Giorgi alle tastiere, Pietro Mazzetti alle percussioni.

La Befana vien di notte ma ad Artimino arriverà di giorno, camuffandosi tra i reperti etruschi per la gioia dei bambini: mercoledì 6 gennaio, dalle 10.30 alle 12, visita guidata al Museo Archeologico con laboratorio dove sarà realizzata una calza speciale ispirata ai reperti etruschi. E come in ogni 6 gennaio che si rispetti sarà una dolce Befana: al termine della visita ai piccoli partecipanti di età compresa dai 3 ai 12 anni verrà consegnata una piccola calza ripiena di dolcetti. La visita è da prenotare (3339418333;parcoarcheologico@comune.carmignano.po.it) entro le 13 di martedì 5 gennaio: il costo dell’attività è di 3 euro, in aggiunta al biglietto d’ingresso ridotto di 2 euro.

Alle Pavoniere Golf&Country Club a Prato la seconda edizione de “La Befana a Le Pavoniere”. Premi e regali per tutti i bambini che parteciperanno il giorno della befana dalle 10 alle 16 di martedi 6 gennaio all’evento gratuito del Golf Le Pavoniere a Prato in Via Traversa il Crocifisso (entrata in fondo al viale del Parco delle Cascine di Tavola). Le befane delle Pavoniere accoglieranno i bambini con i carts (le macchine elettriche del campo da golf) e dopo un giro panoramico li accompagneranno a far merenda con cioccolate calde e biscotti dentro il Golf per poi finire con i maestri/befane del Golf a fare un gioco (semplice) di prova di golf dai tiri corti adatto a tutti i bambini e ragazzi di ogni età. Prove e merenda anche per i genitori, regali e divertimento assicurato.

A Prato il Museo di Palazzo Pretorio sarà aperto mercoledì 6 gennaio in occasione della festività di Befana che porterà ai più piccoli gioco e allegria con il terzo di appuntamento di “Officina di Synchronicity, la mia casa ideale” (alle 16): le fotografie di Dan Graham, racchiuse nel titolo “Homes for America” (1966) e scattate dall’artista nel New Jersey per documentare l’idea di uno sviluppo modernista dell’architettura americana, diventano il pretesto per sbizzarrirsi in un laboratorio divertente sulla casa ideale a partire da foto scattate sul momento con gli iPad del Museo. Il laboratorio, ispirato a una delle opere facenti parte del percorso espositivo di “Synchronicity”, è dedicato ai bambini ai 5 ai 12 anni. Il costo delle attività è di 4 euro oltre al biglietto d’ingresso (prenotazioni al0574 1934996 con 1,50 euro di prevendita oppure direttamente in biglietteria).

Epifania con spettacolo di clown per bambini e famiglie, al Teatro delle Sfide di Bientina(Pisa). Mercoledì 6 gennaio 2016 alle 17,00 la Compagnia il Baule presenta “Lola e Billy Show“, di e con Lis Grundmann e Sandro Picchianti. A cura di Guascone Teatro. A fine spettacolo classica befanata (con gli amici de Tpt), con antiche filastrocche e caramelle e carbone a fiotti. In scena un duo internazionale. Tedesca lei, italiano lui che si sono formati nelle più grandi scuole di clown: Fratelli Colombaioni, Bassi, Byland, Olshansky, Edwards. Qui in uno spettacolo di clown allo stato puro. Lazzi e gags presentate con la maschera più piccola del mondo: il naso rosso. Lola e Billy sono due maldestri amici che hanno bisogno l’uno dell’altro per presentare i loro numeri. La loro natura “naif” rende tutto molto difficile, ma permette anche una pacifica e divertente soluzione ai conflitti. Un delizioso spettacolo allegro e colorato che divertirà un pubblico dal cuore giovane e semplice. Per informazioni: 3280625881 - 3203667354info@guasconeteatro.it.

La Befana sarà a Quercianella, nella sede della Proloco (via del Littorale 298) la Befana dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 20.
Si sposterà poi verso nord, e salirà a bordo della funicolare di Montenero scendendo in piazza delle Carrozze (alle 11) con tanti doni per i più piccoli (evento a cura di ASD La Funicolare Club ACSI).
Nel pomeriggio la Befana si trasformerà in scienziata e scenderà dalla scopa a Livorno al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (via Roma 234). Dalle ore 16 giochi a squadre composte da grandi e piccoli per festeggiare in modo divertente l’arrivo della Befana che lascerà un regalo solo a chi sarà in grado di conquistarlo… risolvendo qualche domandina scientifica. Niente paura, le soluzioni sono tutte nelle sale del Museo: basterà quindi essere curiosi, esplorare, osservare, scoprire, leggere, dedurre… Una vera e propria caccia al tesoro a staffetta, che metterà alla prova i partecipanti, con giochi, quiz, e tante attività divertenti. Prenotazione obbligatoria al Museo di Storia Naturale (0586/266711), Coop Itinera (0586/894563 interno 3) oppure inviare una mail a didattica@itinera.info

Il giorno dell’Epifania (ore 15,00) a Sarteano non poteva mancare l’arrivo della Befana in piazza XXIV giugno, a cura della proloco. Poco più tardi (ore 17,30) La Befana vien...cantando. Il gruppo vocale Consonanti diretto da Chiara Giorgi si esibirà al teatro comunale degli Arrischianti. La compagine musicale nasce nel 2013 all'interno della Nuova Accademia degli Arrischianti con l'intento di promuovere Il canto come punto di incontro tra le diverse culture. Questo si traduce in un repertorio quanto mai vario che spazia dall'etnico al popolare, accompagnato dai ritmi dei tamburi e della body percussion. Variegata la composizione del gruppo vocale: giovani e meno giovani, italiani e non tra cui cinque ragazzi migranti provenienti dal Mali e dal Senegal. A tutti gli immigrati, sempre nel pomeriggio, verrà spiegato il significato dell’Epifania e dell’arrivo dei Re Magi, uno dei quali era nero. Si tratta di segnali importanti, in linea con una politica di forte inclusione promossa dal Comune, che sta dando straordinari risultati, grazie anche al lavoro dell’assessorato all’intercultura e alle pari opportunità.

Ultimo appuntamento, a Contignano, del celebre Presepe vivente, mercoledì 6 gennaio (ancora una volta dalle 16,30 alle 18,30) con la novità dell’arrivo dei Re Magi. In questo borgo della Val d’Orcia, nel Comune di Radicofani, tutti gli abitanti diventano comparse in costume tra fiaccole, fuochi, musiche in un‘atmosfera totalmente avvolgente. Quanto avviene ricorda davvero la cittadina di Betlemme al tempo del governo dell’Impero Romano, duemila anni fa. Nel presepe vengono raffigurate tante scene di vita dell’epoca, riprodotte nei locali del centro storico del paesino con le cantine del borgo animate da scene di antichi mestieri (filatrice, ciabattino, oste, falegname, taglialegna, fornaio…), arricchito dalla presenza di molti animali in un’atmosfera particolarmente suggestiva; di grande impatto poi le affascinanti scene dell’Annunciazione e l’Adorazione dei pastori. A interpretare la parte di Gesù Bambino, come vuole la tradizione, è il bambino più piccolo del paese, insieme ai suoi genitori e agli angioletti, interpretati da altri bambini.

Il 6 gennaio, all’Auser “Noi ci siamo” di Monticiano (ore 16:00) è in programma un pomeriggio per grandi e piccini, per divertirsi con karaoke tombola, donzelle e tanti dolci e festeggiare l’arrivo della Befana. Si tratta dell’ultimo appuntamento di un cartellone di iniziative natalizie predisposto dal Comune, insieme alla Parrocchia dei santi Giusto e Clemente, a alle varie associazioni: la sezione Auser “Noi ci siamo”, l’associazione musicale Eco, i circoli Arci “La Pigna” di Iesa, di San Lorenzo a Merse e di Scalvaia. Da segnalare infine che la Imes ha dato un importante contributo per la realizzazione degli eventi.

Chiude in bellezza il Villaggio di Babbo Natale in piazza del Carmine: giovedì pomeriggio sarà possibile pattinare sul ghiaccio insieme alla Befana, che distribuirà dolci, caramelle e carbone a tutti i bambini. Nel giorno che segna l’arrivederci dell’iniziativa, gli organizzatori hanno pensato a far divertire i più piccoli con il truccabimbi (dalle 16 alle 17) e il gioco della pentolaccia (dalle 17 alle 18). Contemporaneamente, grazie all’iniziativa promossa da Publiacqua in presenza del presidente Filippo Vannoni, scopriremo insieme cos’è l’acqua e come risparmiarla; una risorsa da conoscere. Nel giorno dell’epifania, che tutte le feste porta via, si concluderanno anche i progetti di solidarietà legati al Villaggio di Babbo Natale. Ancora fino a giovedì sarà possibile adottare le celebri “pigotte” a sostegno dei progetti Unicef, le bambole con il cuore di pezza che ogni anno salvano la vita di migliaia di bambini nel mondo. Sempre il 6 gennaio alle ore 18,00 verranno consegnate al presidente di Busajo Onlus, Lucia Giubbi, le offerte raccolte al “Villaggio di Babbo Natale” a sostegno dei progetti formativi dei bambini etiopi di Soddo. Per l’iniziativa, sono state scattate e donate alle famiglie centinaia e centinaia di foto con Babbo Natale realizzate nell’apposito set fotografico di piazza del Carmine. Iniziativa promossa in collaborazione con Unicredit e Giunti al Punto.

Redazione Nove da Firenze