​Stazione Foster, lavoratori in presidio al cantiere di via Circondaria

Venerdì 21 aprile a Firenze presidio di Cgil-Cisl-Uil di categoria con conferenza stampa alle 12,30


Dopo 4 mesi dagli incontri istituzionali in vista di decisioni sulla continuità del cantiere per la costruzione della Stazione Foster agli Ex Macelli e del sotto-attraversamento dei treni Alta Velocità nel nodo fiorentino, i lavoratori non avrebbero al momento alcuna rassicurazione sulla continuità del lavoro.
In questo allarme lanciato dai sindacati di categoria c'è da leggere anche la mancanza di certezze da parte dell'intera comunità fiorentina che ha seguito l'avanzamento dei lavori e le alternate fasi di stallo. 

La segnalazione arriva da Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil "Da inizio aprile gli operai impiegati sono circa 35, molti meno dei 150 di un paio di mesi fa e ancora meno del numero medio necessario per realizzare l'opera. Gli operai di imprese in subappalto sono circa 10, mentre le maestranze di Nodavia sono state ridotte a 25. A inizio mese, a 12 operai non sono stati rinnovati i contratti di lavoro inerenti all’opera ma sono stati ricollocati in altri cantieri delle aziende del gruppo, alcuni dei quali sono dovuti andare a lavorare all’estero. Non ci rassegniamo a questa situazione, pretendiamo chiarezza sia per i lavoratori sia per i cittadini”.

I tre sindacati convocano una conferenza stampa durante il presidio dei lavoratori per il giorno venerdì 21 aprile dalle ore 12.30 davanti ai cancelli del cantiere in via Circondaria. 

Redazione Nove da Firenze