Stampanti per casa: qual è la differenza tra inkjet e laser

​Con l'era del digitale la stampante si è imposta come un dispositivo indispensabile per ottenere copie di documenti, di buoni sconto e di voucher, nonché la stampa delle proprie immagini preferite.


L'utilizzo sempre più massiccio in ambito domestico ne ha favorito un forte abbassamento dei prezzi, facendo diventare la stampante accessibile a tutti. In commercio esistono due diverse tipologie di stampanti: inkjet e laser. Vediamo quali sono le principali differenze.

Le stampanti inkjet
Le stampanti inkjet, note anche come stampanti a getto d'inchiostro, procedono alla stampa attraverso lo spruzzo di inchiostro direttamente sulla carta o sul supporto desiderato, riproducendo l'immagine o il testo mediante una testina spinta da un motore, che muove costantemente la stessa in senso orizzontale, creando le strisce che occorrono per completare la stampa. I dispositivi a getto d'inchiostro utilizzano delle apposite cartucce per stampanti compatibili, una dedicata al colore nero e le altre dedicate ai colori, solitamente ciano, magenta e giallo nel caso di stampa in quadricromia, alle quali si aggiungono ciano chiaro e magenta chiaro nei modelli a sei colori. Il vantaggio delle stampanti inkjet è costituito fondamentalmente dai bassi costi. Attualmente, infatti, sono presenti in commercio delle stampanti a getto di inchiostro a colori di tipo multifunzione, comprendenti scanner, fax e funzione di fotocopiatrice, che permettono di entrare in possesso di uno strumento estremamente completo con una spesa inferiore ai 100 euro. 

Le stampanti inkjet sono consigliate a coloro che non effettuano un elevato numero di copie e che stampano file eterogenei, dalle foto ai documenti: essendo disponibili sul mercato esclusivamente inkjet a colori, è possibile stampare a basso costo le immagini desiderate direttamente in casa propria, con un soddisfacente livello qualitativo e con una spesa assolutamente sostenibile. 

Altro vantaggio dei modelli a getto d'inchiostro è legato al ridotto costo delle cartucce per le stampanti, soprattutto qualora si scelgano cartucce compatibili, le quali assicurano ottimi risultati e prezzi notevolmente inferiori rispetto alle cartucce originali. Per risparmiare ulteriormente è possibile acquistare le cartucce online, ottenendo una significativa riduzione di prezzo e un relativo minor costo per ogni foglio stampato.

Le stampanti laser
Contrariamente a quanto avviene con le stampanti inkjet, le quali utilizzano la cartuccia, i modelli laser funzionano attraverso un toner, ovvero un elemento che contiene al suo interno una particolare polvere composta da varie particelle sottili. Queste particelle, una volta portate a un'elevata temperatura, si fondono sulla carta, stampando su di essa l'immagine o il testo contenuti nel file. Sono diversi i vantaggi che offre una stampante laser rispetto a una a getto d'inchiostro. Innanzitutto la durata del toner, il quale non si essicca nel tempo poiché al suo interno non contiene inchiostro ma delle poveri, quindi non subisce alcun tipo di trasformazione, garantendo standard eccellenti anche in caso di non utilizzo prolungato. Di conseguenza anche il costo delle stampe è più basso, per cui le stampanti laser si addicono a coloro che effettuano un cospicuo volume di stampe. I modelli laser dimostrano un'importante superiorità anche per quanto concerne la velocità di stampa: sebbene le ultime inkjet abbiano meccanismi sempre più veloci, le stampanti laser assicurano una quantità di pagine al minuto decisamente più alto, il quale può superare le 30 copie ogni 60 secondi. Inoltre, le laser non richiedono alcun tipo di intervento di manutenzione, come l'allineamento delle testine o le operazioni di pulizia: una volta esaurito il toner, non resta che sostituirlo con uno perfettamente compatibile e la stampante sarà immediatamente pronta per riprendere a funzionare. La durata di questi dispositivi è estremamente lunga, poiché non sono previsti particolari supporti meccanici: si stima che le stampanti laser siano in grado di procedere alla realizzazione di oltre 30 mila copie durante il loro ciclo vitale e che possano funzionare perfettamente per più di 10 anni. L'unico svantaggio è rappresentato dal prezzo, che è decisamente superiore rispetto alle inkjet, a meno che non si scelga un modello che prevede la sola stampa del colore nero. 

In conclusione, se si necessita di un device per la stampa di copie a colori è meglio puntare su una stampante a getto d'inchiostro, abbinandola a cartucce compatibili, così da beneficiare di un costo per stampa davvero ridotto. Qualora siano necessarie stampe in bianco e nero, è bene preferire la tecnologia laser, che consente di risparmiare in modo notevole soprattutto se si procede con la stampa di numerosi documenti.

Redazione Nove da Firenze