Sicurezza a Firenze: vigile di quartiere, con quali compiti e poteri?

Il primo cittadino presenta la riorganizzazione della Polizia Municipale


Maggiori controlli, anche notturni. Cinquanta nuove assunzioni fatte, altre 100 entro il gennaio 2019 che porteranno l'organico della Polizia Municipale a circa un migliaio di uomini.
Immediate le reazioni, l'opposizione chiede di conoscere il piano nei dettagli, dai turni alle dotazioni degli agenti per tutelare la loro e l'altrui incolumità.

"Ora non si potrà più dire che mancano le risorse per mettere in campo azioni efficaci contro criminalità e degrado a Firenze; non ci sono più alibi. Ma oltre a 'dare i numeri', il sindaco Nardella dovrebbe spiegare come intende organizzare il lavoro dei vigili, con quali priorità e quali dotazioni di sicurezza, altrimenti siamo all'ennesimo spot pre-elettorale"
commenta il capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai.
"E' precisa responsabilità di Nardella aver temporeggiato per tre anni sul vigile di Quartiere, e ancora peggio, aver lasciato Firenze senza un comandante della Polizia Municipale per oltre un anno. Ora serve molto più di un piano sulla carta per recuperare credibilità sul fronte della sicurezza" sottolinea Cellai. 

"Sul vigile di Quartiere Nardella appare in evidente confusione. Scomparso per i primi tre anni del suo mandato, oggi lo rispolvera, e noi vogliamo capire con quale criterio. Le premesse certo non sono incoraggianti: 40 vigili fissi e 60 a rotazione in servizio nei quartieri, per fare cosa? Dare la caccia ai clienti delle prostitute? E fino ad oggi dove sono stati tutti questi vigili che saranno in servizio di notte? Forse non c'erano altri problemi da affrontare, tra spaccio, risse, furti e ubriachi, specie in centro storico?" si chiede il capogruppo azzurro.
"Sul fronte della sicurezza le cose che il sindaco deve chiarire sono: come intende organizzare il reparto di sicurezza urbana? Quali saranno le priorità di chi pattuglia la città di notte? Come intende garantire l'incolumità dei vigili, che oggi hanno solo lo spray al peperoncino come 'arma' di autodifesa? Noi da tempo chiediamo che venga adottato il cosiddetto mini manganello, dopo i tanti episodi di uomini e donne della Municipale aggrediti. E poi: quanti vigili saranno messi in campo per il traffico sulle strade? Queste sono le risposte che il sindaco deve dare alla città, altro che numeri e 'security point'".

Redazione Nove da Firenze