Senza dimora: nuova rete regionale per l'inclusione

Saccardi: "Contrastare situazioni di grave marginalità". A Livorno nuova struttura di accoglienza temporanea per madri sole con figli


FIRENZE- Un progetto per l'inclusione dei senza dimora che ha come obiettivo principale la creazione di un sistema regionale integrato e diffuso di servizi territoriali rivolti a persone in situazioni di grave marginalità, per prenderle in carico e promuovere percorsi di progressivo inserimento sociale, abitativo e lavorativo. Alla base ci sono i progetti locali di 9 Comuni capoluogo – Prato, Pistoia, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Livorno, Grosseto, Siena, Arezzo. Firenze invece, in quanto città metropolitana, beneficia da parte del Ministero di un finanziamento specifico, per cui non è stata inclusa nel progetto presentato dalla Regione, ma sono state avviate forme di collaborazione e integrazione tra i due progetti. Questa la proposta che la Regione Toscana ha presentato il 14 febbraio scorso al Ministero del lavoro e politiche sociali per partecipare al Bando non competitivo per interventi di contrasto alla grave emarginazione adulta e alla condizione di senza dimora. Alla Regione Toscana, per la progettazione triennale degli interventi, è stata attribuita la cifra complessiva di 1,7 milioni, che derivano da un contributo fisso, attribuito a tutte le Regioni e Province Autonome, e da uno variabile calcolato sulla base dei numeri delle persone senza dimora sul territorio regionale. Secondo l'indagine Istat sulla grave emarginazione adulta in Italia nel 2015, in Toscana il numero di persone senza fissa dimora è di 1.567 (cui vanno aggiunte ulteriori 1.992 calcolate sulla città metropolitana Firenze) per un totale dunque di più di 3.500 persone. Il progetto è stato presentato oggi nella sede della presidenza della Regione Con l'assessore Saccarsi sono intervenuti partner e collaboratori del progetto: Simone Gheri, direttore Anci Toscana, Alessandro Carta, vice presidente Fio.PSD (Federazione italiana organismi per le persone senza dimora), Anna Ferretti, assessore sanità e sociale Comune di Siena, Luigi Biancalani, assessore alla salute e politiche sociali Comune di Prato e presidente della SDS Prato, e dirigenti e funzionari degli altri comuni capoluogo.

"La Toscana è una delle pochissime regioni italiane – ha detto l'assessore Saccardi - che hanno elaborato un progetto diffuso su tutto il territorio, scegliendo di coprogettarlo con gli ambiti territoriali dei Comuni capoluogo dove c'è la maggior concentrazione dei senza dimora. Il progetto comprende 9 progetti locali che hanno come comune denominatore i destinatari e le risorse. Queste serviranno per le azioni 'housing first' e 'housing led', percorsi per dare ai senza dimora una dimora, per toglierli dalla strada. Il finanziamento servirà per le convenzioni per la gestione di abitazioni e strutture per l'accoglienza con operatori sociali ed equipe multidisciplinari. O anche per gli arredi e per accessori per rendere più indipendenti le persone in stato di grave marginalità. A questo si affiancano azioni di accompagnamento e inserimento lavorativo. Da una logica emergenziale si passa ad una logica più sistematica per cercare di risolvere il problema del vivere per strada".

La dimensione regionale del progetto contro povertà estrema e emarginazione grave implica la creazione di una cabina di regia per il coordinamento della rete regionale, azione in cui la Regione ha scelto come partner Anci Toscana e Fio-PSD, l'organizzazione che ha cooperato con il Ministero delle politiche sociali nella stesura delle Linee di indirizzo nazionali per il bando emesso. Parteciperanno anche i responsabili dei progetti e sono previste azioni coordinate con il terzo settore già attivo nei territori. Il progetto di inclusione dei senza dimora si collegherà e integrerà in particolare con "l'accordo stazioni", un accordo di collaborazione di durata triennale firmato di recente da Regione Toscana, Ferrovie dello Stato, Comuni di Firenze, Livorno, Pistoia, Prato e Viareggio, Società della Salute Pisana, Anci Toscana e Europe Consulting cooperativa sociale onlus che gestisce ONDS (Osservatorio nazionale su Disagio e solidarietà nelle Stazioni italiane) finalizzato a sostenere azioni sociali per l'inserimento delle persone emarginate che gravitano nelle stazioni. La Regione contribuirà con una cifra pari a 500.000 euro per due annualità, 250.000 per il 2017 e altrettanti per il 2018. L'accordo prevede lo sviluppo di servizi di ascolto e di prima accoglienza nelle stazioni ferroviarie, attraverso l'attivazione di Help Center e di servizi di unità di strada per favorire il reinserimento sociale delle persone in situazioni di emarginazione, con particolare attenzione ai senza dimora, anche attraverso il collegamento con la rete dei servizi territoriali.

Approvato ieri a Livorno il contratto di comodato d’uso tra Comune e RFI spa (Rete Ferroviaria Italiana) per l’utilizzo del primo piano dell’immobile accanto alla stazione che darà vita a un nuovo centro di accoglienza temporanea, riservato a quelle famiglie composte soltanto da madri e figli. L’opera di ristrutturazione era già stata prevista e finanziata (circa 50 mila euro) all’interno del progetto regionale sulla sicurezza urbana approvato lo scorso anno.

“Superati tutti gli step burocratici, adesso siamo possiamo essere finalmente operativi – spiega l’assessore al sociale Ina Dhimgjini -, quindi subito dopo i lavori all’immobile di via Dante, procederemo con la stipula di una convenzione con le associazioni del terzo settore per garantire la gestione del nuovo centro di accoglienza. Abbiamo scelto di destinarlo a due famiglie composte soltanto da donne con figli perché sicuramente rappresentano una fascia ancora più debole tra tutte quelle già bisognose di sostegno. E poi che questa operazione parta ufficialmente proprio oggi che è l’8 marzo mi sembra un ulteriore segnale di buon auspicio”.

I tempi per la realizzazione del nuovo centro, fanno sapere dagli uffici, saranno veloci, il settore manutenzioni sta già infatti svolgendo la perizia preliminare, necessaria all’affidamento dei lavori di ristrutturazione.

Redazione Nove da Firenze