​Scomparsa Andrea Bartali: ci lascia il figlio di Ginettaccio

Andrea Bartali: "mio padre Gino, Giusto tra le Nazioni"

Le sue ricerche hanno fatto proclamare il grande Gino ‘Giusto tra le Nazioni’


Con le sue ricerche, Andrea ha portato alla luce quanto fatto dal padre negli anni Quaranta per salvare la vita a centinaia di ebrei. Un impegno grazie al quale il campionissimo di ciclismo è stato proclamato ‘Giusto tra le Nazioni’ dallo Vad Vashem.

“Alle figlie Gioia e Stella va tutto l’affetto e la partecipazione del Consiglio regionale della Toscana” con queste semplicii parole il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani, si unisce al cordoglio per la scomparsa di Andrea Bartali, figlio del grande Gino. 

“Grande dispiacere per la scomparsa di Andrea, figlio del campionissimo Gino Bartali e testimone diretto del suo contributo alla storia di questo Paese”. Così gli assessori allo Sport Andrea Vannucci e alle Pari Opportunità Sara Funaro in merito alla scomparsa, questa notte a Macerata, del figlio primogenito di Gino Bartali. “Un’opera di testimonianza – hanno proseguito gli assessori - che Andrea ha svolto in modo rigoroso e appassionato portando nel 2010 alla scoperta dell’attività svolta da Ginettaccio per salvare centinaia di ebrei. Grazie al suo grande impegno abbiamo raggiunto la proclamazione, nel settembre 2013, di Bartali ‘Giusto tra le Nazioni’ da parte del Memoriale di Gerusalemme. Alla famiglia la nostra personale vicinanza e il cordoglio a nome dell’Amministrazione”

Redazione Nove da Firenze