Scippi, rapine e spaccio: Isolotto come il Bronx?

Cellai, Bisconti e Ciccone: "Consumo di eroina all'ordine del giorno. E la passerella che non si sa quando sarà ripristinata: l'amministrazione batta un colpo"


"Non lasciamo che l'Isolotto diventi il nuovo Bronx di Firenze. Scippi, rapine, spaccio e consumo di eroina in giardini pubblici: questo è quanto ci raccontano le cronache dei giornali ormai quasi quotidianamente. E come se non bastasse, un'infrastruttura vitale per il quartiere come la passerella ciclo-pedonale smontata e che non si sa quando tornerà al suo posto. L'amministrazione deve battere un colpo". Questa la dichiarazione del capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai, che sulla questione ha presentato una domanda di attualità per il consiglio di lunedì prossimo, insieme ai consiglieri azzurri al Q4 Davide Bisconti e Vincenzo Ciccone.

Nella sua domanda, Cellai chiede di sapere "quali provvedimenti ha adottato l’Amministrazione Comunale per contrastare i fenomeni di criminalità registrati ormai da tempo nel rione dell’Isolotto, con particolare riferimento alle odiose aggressioni a persone anziane a scopo di rapina"; "quali misure sono state previste per arginare lo spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti che si sono consolidati nella zona, tanto che Alia avrebbe rilevato un numero elevatissimo di aghi da smaltire, in crescita a partire dalla scorsa estate, rispetto agli altri quartieri della città"; "quali sono le motivazioni dei ritardi nella consegna dei lavori di riqualificazione della passerella dell’Isolotto e come intende procedere l’Amministrazione Comunale nei confronti della ditta aggiudicataria dell’appalto". E, infine, quali sono i tempi previsti per la riapertura al pubblico della passerella. 

Redazione Nove da Firenze