Rubrica — In cucina

San Piero a Sieve: ultima domenica della "Festa del Marrone"

Domenica prossima mercatini, animazione per grandi e piccoli, prodotti tipici e possibilità di pranzare a prezzi popolari. Un’autentica invasione a Palazzuolo sul Senio


San Piero a Sieve chiuderà domenica prossima, 22 ottobre, la propria “Festa del Marrone e dei prodotti tipici” organizzata dalla locale Pro Loco. Il paese mugellano ci arriva dopo due autentici successi. Complice il bel tempo, quasi estivo, delle prime due domeniche, ma, alla base di tutto, grazie alla qualità dei prodotti offerti ed alla loro varietà, alle proposte di spettacoli, per tutte le età e per tutti i gusti, ai mercatini collaterali, che hanno creato ancora maggiore interesse. Grande impegno, ma anche dunque, grande soddisfazione per la Pro Loco di San Piero, per dar vita ad una iniziativa di rilievo con lo slogan “la festa del marrone…a due passi da casa tua”. Che ha funzionato vista la ricca presenza da Firenze, dal pratese oltre che da tutto il comprensorio mugellano. Nell’ultima domenica specialmente si è andati sul tutto esaurito, sia di prodotti a base di marroni, sia delle apprezzatissime ciambelline, per le quali si sono raggiunti numeri a quattro cifre, con buona presenza anche di persone che hanno scelto di pranzare all’aria aperta, nel “calduccio” di questa domenica di metà ottobre. E dunque domenica ultimo appuntamento per chiudere in bellezza. L’Area Feste del paese diverrà, ancora una volta, il centro di mercatini, degustazioni, animazioni per bambini, spettacoli e molto altro. Un marrone, prodotto di alto livello quello IGP del Mugello, che potrà essere degustato con bruciate ed altri piatti a base di marroni. Particolarmente apprezzata, da grandi e piccini, la “Rosina”, nata dall'ingegno degli Alpini di San Piero, vanta ormai 30 anni di onorata carriera e sforna bruciate a rotazione continua. E poi mercato delle aziende agricole locali con prodotti a km 0 (oltre ai marroni, miele, mele, zafferano ecc.), degustazione di vini delle aziende vinicole del Mugello ed inoltre la possibilità di pranzare, presso l’area feste stessa, a prezzi popolari. Domenica, in particolare, oltre al mercatino delle opere del proprio ingegno, a livello di animazione per bambini, a cura dei genitori della Consulta di San Piero, l’accompagnamento musicale sarà affidato a “Vasco da Pratolino”.

Numeri da tutto esaurito per le prime due domeniche della Sagra del Marrone e dei frutti del sottobosco – Vivi l’Autunno. Si può parlare di numeri da record e di una vera invasione per la manifestazione palazzuolese che, favorita dal meteo quasi estivo, assolutamente inusuale per la stagione, a metà dei due pomeriggi aveva praticamente esaurito tutte l scorte, sia di marroni che dei tanti prodotti preparati dalle abili mani delle volontarie della Pro Loco. Gli splendidi colori dell’autunno dell’Appennino Tosco-Emiliano, già sgargianti ma che andranno ad emergere di più, nelle ultime due domeniche di manifestazione, il 22 e 29 ottobre, sono un motivo eccezionale per una escursione nella natura ed all’insegna delle bontà della stagione. Il Marrone, tutto palazzuolese, quest’anno ha espresso un gusto eccezionale, dolcissimo e, a dispetto di una quantità non esorbitante, una qualità strepitosa. Che lascia prevedere un’ottima farina anche nei prossimi mesi. Numeri eccezionali anche per la ristorazione gestita dalla locale Pro Loco, messa a dura prova, malgrado la grande organizzazione dalla folla che ha preso d’assalto il piccolo centro della Romagna Toscana. Non solo marroni ma anche funghi, tartufi, frutti del sottobosco, grezzi e trasformati, sono esposti, venduti e degustati in una variegata e profumatissima mostra–mercato allestita nel cuore del borgo medievale. Anche nelle ultime due domeniche, a partire dalle 11, in piazza IV Novembre e Viale Ubaldini verrà allestita la mostra mercato. Sempre in piazza sarà possibile trovare lo stand gastronomico con proposte al dettaglio di prodotti a base di marrone come la Torta, il Castagnaccio, i Tortellini, i dolci e da quest’anno anche gli gnocchi e la carne. Senza contare altre prelibatezze dell’autunno come le caldarroste fumanti e il vin brulè. E l’occasione sarà propizia anche per visitare la mostra di Gianmaria Cavini, “Oltre Natura – Dalla natura, equilibri, tensioni e proporzioni”. Nata in collaborazione con il Comune di Palazzuolo sul Senio, si svolgerà nella splendida cornice della Chiesa di S. Antonio a Palazzuolo sul Senio, sarà aperta dall’8 al 29 ottobre. Dunque gran lavoro, già da oggi, per tutti i volontari, stanchi ma contenti, per preparare al meglio gli ultimi due appuntamenti.

Redazione Nove da Firenze