Rapine a Firenze: nove vittime in una sola notte

Rapina a Firenze

Il video dei Carabinieri


Arrestati a Firenze quattro rapinatori che durante la notte, nel giro di poco tempo, hanno rapinato nove persone, procurando ad alcune vittime lesioni non gravi. L'operazione è stata effettuata dai Carabinieri del nucleo radiomobile di Firenze. Tutto in una notte. Rapine in zone centralissime del capoluogo toscano; colpi che in poco tempo hanno fruttato un bottino composto da collanine, orologi, telefoni, un centinaio di euro ed alcuni indumenti. Si tratta di un algerino 26enne e di tre marocchini (uno di 26 e due di anni 18), tutti in Italia senza fissa dimora e alcuni di essi gravati da precedenti per ricettazione e rapina. Le rapine finora accertate sono state commesse ai danni soprattutto di turisti e giovani studenti in Piazza della Signoria, Piazza della Repubblica, Piazza Indipendenza, via Roma, via Cerretani, via Faenza e Piazzale di Porta al Prato, ed avevano come obiettivo telefoni cellulari, oggetti di valore, portafogli.

Dalla ricostruzione effettuata, i quattro malviventi circondavano le vittime e, minacciandole ed aggredendole con calci e pugni, si facevano consegnare tutto quello che era in loro possesso. Fra le vittime, di età compresa tra i 19 anni ed i 33 anni, due hanno riportato lesioni guaribili rispettivamente in 6 ed 8 giorni per traumi cranico-facciale e, nel secondo caso, anche un trauma distrattivo del collo con sospetta lesione laringea, per cui si è reso necessario il ricovero in osservazione.

Ad attivare i Carabinieri sono state le diverse telefonate giunte al 112 nelle quali venivano segnalati 4 giovani extracomunitari autori di questi delitti. Immediatamente, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, con più autoradio sul territorio, dopo aver acquisito informazioni utili per il loro rintraccio si sono messi alla ricerca dei rapinatori. Giunti nei pressi dei giardini della Fortezza, hanno notato i quattro soggetti che si nascondevano tra le siepi, riuscendo a bloccarli dopo un breve inseguimento a piedi. I malfattori sono stati trovati in possesso dei beni rapinati, restituiti ai legittimi proprietari. Le indagini proseguono per verificare eventuali responsabilità da parte degli arrestati in ulteriori analoghi episodi criminosi verificatisi a partire dalla notte di Capodanno.

Un risultato notevole”, ha dichiarato il prefetto Alessio Giuffrida commentando l’arresto degli autori delle rapine ai danni di nove persone, due delle quali sono rimaste ferite, avvenute stanotte in centro a Firenze, “frutto del tenace controllo del territorio che le nostre forze dell’ordine conducono senza sosta”. “L’azione tempestiva del nucleo radiomobile dei Carabinieri è un’ulteriore risposta alle esigenze di sicurezza più volte manifestata dai fiorentini”. Giuffrida si è quindi complimentato con il comandante provinciale dell’Arma, Giuseppe De Liso, per la prontezza e rapidità di intervento dimostrate anche in questa occasione.

"Nove rapine in meno di due ore, tre colpi contro altrettanti negozi in tre giorni, un noto ristoratore rapinato a mano armata: l'escalation di criminalità a Firenze è particolarmente preoccupante: serve quella task force che noi chiediamo invano da anni, inascoltati, all'amministrazione comunale". Lo afferma il coordinatore fiorentino di Forza Italia, e vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella. "La sicurezza dei centri urbani – prosegue il coordinatore di Forza Italia – è una delle priorità, definitivamente accertate, per tutte le società moderne, e Firenze non fa certo eccezione in questo senso, come dimostrano gli ultimi avvenimenti. In questi anni questa amministrazione non è stata in grado di dare risposte in merito alla sicurezza dei fiorentini e del nostro territorio. Non bastano più le promesse e gli spot sulla sicurezza senza seguito: la città ha bisogno di risposte concrete ed efficaci per contrastare criminali, abusivi e degrado". "Firenze – dice ancora Stella – è diventata una città non solo insicura ma anche ostaggio degli abusivi, i parcheggi degli ospedali sono in mano ai parcheggiatori abusivi, il nostro centro storico invaso da venditori irregolari, Firenze è diventata la città delle illegalità. I livelli toccati sono inaccettabili per una città come la nostra. A rimetterci, tra l'altro è la nostra immagine all'estero, Firenze ha una vocazione turistica, e questo clima di insicurezza è deleterio".

Redazione Nove da Firenze