Rapina a mano armata: auto sospetta ripresa da telecamere

Le indagini dei carabinieri hanno portato all’individuazione dei responsabili della rapina ad un furgone di Slot Machine


Una denuncia pervenuta ai carabinieri di Pontassieve ha dato avvio alle indagini di Polizia Giudiziaria del personale della Tenenza, sotto le direttive del Pubblico Ministero Dr. BARLUCCHI Paolo, indagini che portavano all’individuazione dei responsabili della rapina a mano armata, perpetrata in quel comune nel mese di Maggio scorso, ai danni di un impiegato di una ditta che gestisce slot-machine e cambiamonete presso diversi esercizi pubblici della Provincia di Firenze.

La vittima raccontava che nella tarda mattinata del 04 maggio scorso, mentre si trovava a lavoro presso un noto bar di Pontassieve, veniva avvicinato da due soggetti a volto scoperto che, armati di pistola, lo bloccavano nei pressi del suo furgone, provvisto di cassaforte, e gli intimavano di consegnare tutto l’incasso della giornata, pari ad un importo di circa 10.000 €.

Dalla descrizione dei due autori della rapina, i Carabinieri concentravano la loro attenzione nei confronti di un soggetto residente a Pontassieve. Le indagini dapprima si focalizzavano sul monitoraggio delle telecamere e dei lettori di targa del comune, che consentiva di individuare un veicolo sospetto; successivamente venivano eseguiti rilievi scientifici sul predetto veicolo, che risultava rubato, venivano infine espletate anche specifiche attività tecniche.

I Carabinieri di Pontassieve a conclusione dell’attività investigativa deferivano in stato di libertà due persone ed eseguivano la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di D.R. di anni 32 residente a Pontassieve, emessa dal G.I.P. di Firenze dr.ssa BAGNOLI Erminia.

Redazione Nove da Firenze